Italia markets open in 8 hours 38 minutes
  • Dow Jones

    34.930,93
    -127,59 (-0,36%)
     
  • Nasdaq

    14.762,58
    +102,01 (+0,70%)
     
  • Nikkei 225

    27.581,66
    -388,56 (-1,39%)
     
  • EUR/USD

    1,1848
    +0,0022 (+0,19%)
     
  • BTC-EUR

    33.835,92
    +1.296,77 (+3,99%)
     
  • CMC Crypto 200

    938,33
    +8,40 (+0,90%)
     
  • HANG SENG

    25.473,88
    +387,45 (+1,54%)
     
  • S&P 500

    4.400,64
    -0,82 (-0,02%)
     

Davide, il 'bambino zero' di Veleno: "A 7 anni inventai abusi in famiglia e riti satanici: 16 bimbi furono tolti ai genitori"

·Contributor HuffPost Italia
·2 minuto per la lettura
Davide, il 'bambino zero' di Veleno: "A 7 anni inventai abusi in famiglia e riti satanici: 16 bimbi furono tolti ai genitori"

pre“Né abusi né riti satanici, 16 bimbi tolti ai genitori per le mie accuse inventate. Ora ho trovato il coraggio di dire la verità”. A parlare è Davide, giovane uomo che aveva appena sette anni quando, nel 1997, raccontò di abusi e violenze subite da suo padre e suo fratello. Si tratta del “bambino zero” dell’inchiesta sui “Diavoli della Bassa Modenese” che oggi, ormai 31enne, parla a Repubblica.

Le testimonianze parlarono di un fenomeno più ampio, che coinvolgeva altri bambini vittime di cerimonie nei cimiteri, riti satanici e violenze. Racconti che poi si rivelarono infondati. L’inchiesta si concluse con pesanti condanne per alcuni degli imputati, che scontarono molti anni di carcere. Altri vennero in seguito assolti, ma senza rivedere mai più i loro figli. Del caso si è occupato Paolo Trincia col podcast Veleno, pubblicato nel 2017 da Repubblica. Sulla vicenda è stata realizzata anche una recente docu-serie per Amazon Prime.

Davide (che nella serie di trincia si chiama Dario) proveniva da una famiglia con gravi problemi economici, era stato affidato dai servizi sociali a una famiglia della zona. Ma di frequente il bambino tornava dalla sua famiglia naturale, come prevedeva la prassi. Ora racconta:

“Un giorno vidi che la mia mamma naturale molto triste e quando tornai nella casa della mia famiglia affidataria ero cupo anche io. La donna che poi divenne la mia madre adottiva si convinse che venivo maltrattato dai miei genitori naturali. E così iniziarono i colloqui con i servizi sociali. Mi tenevano anche 8 ore”.

Davide prosegue:

“La psicologa e gli assistenti sociali mi martellavano fino a quando non dicevo quello che volevano sentirsi dire. Io avevo anche paura che, se non li avessi accontentati, sarei stato abbandonato dalla mia nuova famiglia, e così inventai. Inventai tutto. Abusi e cimiteri, violenze e r...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli