Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.095,00
    +29,95 (+0,12%)
     
  • Dow Jones

    31.261,90
    +8,77 (+0,03%)
     
  • Nasdaq

    11.354,62
    -33,88 (-0,30%)
     
  • Nikkei 225

    26.739,03
    +336,19 (+1,27%)
     
  • Petrolio

    110,35
    +0,46 (+0,42%)
     
  • BTC-EUR

    27.982,16
    +322,05 (+1,16%)
     
  • CMC Crypto 200

    650,34
    -23,03 (-3,42%)
     
  • Oro

    1.845,10
    +3,90 (+0,21%)
     
  • EUR/USD

    1,0562
    -0,0026 (-0,24%)
     
  • S&P 500

    3.901,36
    +0,57 (+0,01%)
     
  • HANG SENG

    20.717,24
    +596,56 (+2,96%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.657,03
    +16,48 (+0,45%)
     
  • EUR/GBP

    0,8442
    -0,0039 (-0,46%)
     
  • EUR/CHF

    1,0288
    -0,0006 (-0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,3556
    -0,0013 (-0,09%)
     

Davide Meneghini: "Oggi ho una vita che non avrei potuto avere con 30 cm in meno"

·5 minuto per la lettura
davide meneghini
davide meneghini

Il mondo è fatto per chi è alto almeno un metro e cinquanta“. A dirlo è una persona che sa bene cosa vuol dire stare “dall’altra parte”, al di sotto di questa linea invisibile che separa i “normali” dagli “altri”. A Davide Meneghini, oggi consigliere comunale a Padova, quando aveva solo 13 anni hanno detto che non sarebbe cresciuto più di così, più di quel metro e 27 che aveva raggiunto “mentre i miei compagni da un giorno all’altro diventavano alti un metro e 80“. Ma non si è arreso, ha letteralmente puntato in alto e oggi, dopo cinque anni di operazioni dolorose e complicate e con 30 centimetri in più, può guardare indietro con soddisfazione a tutti gli ostacoli che ha superato e ringraziare la caparbietà che l’ha portato a ottenere ciò che più desiderava: l’autonomia e una vita in cui l’altezza non gli precludesse alcuna strada.

Oggi si racconta a Notizie.it.

davide meneghini 4
davide meneghini 4

Perché hai deciso di sottoporti a un’operazione così rischiosa e dolorosa?

Già dall’asilo mi ero reso conto di essere più basso della media ed era molto limitante. Ricordo per esempio che alle elementari dovevo chiedere aiuto ai compagni per appendere il giubbotto. Necessitavo di supporto per tante piccole cose. Quando sei bambino non ti pesano tanto certe cose, fare queste richieste, poi avevo trovato una bella classe… ma c’erano comunque tante limitazioni. Quello che volevo era essere autonomo. Io dico sempre che il mondo è fatto per chi è alto almeno 1.50 metri, al di sotto è tutto molto più complesso. Le difficoltà vere sono iniziate alle medie, quando ho visto i miei compagni diventare improvvisamente alti 1.80/1.90 mentre io mi sono fermato a 1.27 a 13 anni ed è lì che il medico ha sospettato che io avessi raggiunto la mia altezza massima. Finita la terza media ho iniziato il mio percorso di interventi.

In cosa consistono esattamente questi interventi?

Sono divisi in tre macrofasi. La prima, secondo un metodo russo, è l’allungamento di tibia e perone che mi ha consentito di conquistare 15 cm. Consiste nel fratturare l’osso, inserire viti e girare ogni giorno queste viti per guadagnare 1 mm al giorno.

È doloroso?

Non è una passeggiata, ecco. Però, sono sincero, oggi non saprei guardarmi allo specchio se fossi ancora 1.27 m. Tante cose non le potrei fare. Banalmente, oggi posso usare un’auto normale, non potrei farlo se non mi fossi sottoposto a questo intervento. Sicuramente è un processo lungo e difficile. Ho dovuto fare fisioterapia tutti i giorni per allungare muscoli e tendini. Questa prima fase è durata in tutto 11 mesi. Dopodiché, con la seconda fase ho allungato l’omero, guadagnando 11 cm sulle braccia. Poi, con la terza fase, ho finito con l’allungamento del femore che è l’intervento più difficile. In totale ho guadagnato sui 30 cm di altezza. Non sono tanti quelli che riescono a ottenere questi risultati perché è molto dispendioso a livello di forze e di energie, bisogna essere forti e resistere alle pressioni. Devi essere molto temprato psicologicamente.

davide meneghini 1
davide meneghini 1

Eri seguito anche da un’équipe psicologica?

Nel mio caso no, ma capisco se uno ne sente l’esigenza. Sono esperienze molto toste, non è una passeggiata, ma se oggi, a 33 anni, mi guardo indietro sono contento di quello che ho fatto perché tante cose mi sarebbero state precluse per via dell’altezza. Nei Paesi nordici, per esempio, la diversità è molto più accettata. In Italia invece la mia statura mi avrebbe chiuso molte strade. Per non parlare degli stereotipi… quando la gente vede una persona molto bassa pensa subito che lavori al circo, è brutto da dire ma è così. Non voglio generalizzare, ma esistono persone davvero intolleranti.

Oggi di cosa ti occupi?

Sono consigliere comunale di Padova dal 2014, mi occupo di marketing in un’azienda di logistica e sono dirigente di una squadra di calcio. Per passione poi organizzo eventi, viaggio… ho una vita che non avrei potuto avere con 30 cm in meno. Quello che ho notato nella mia vita pubblica è che non ho mai trovato persone nella mia condizione. Non perché persone così non esistano, ma proprio perché si precludono queste strade a causa della loro altezza.

davide meneghini 6
davide meneghini 6

Tornando alle tue operazioni, nell’arco di quanto tempo hai concluso tutti gli interventi?

In cinque anni, inframmezzati da pause.

Immagino ci siano stati, dunque, periodi di convalescenza molto lunghi. In che modo le hai sfruttate?

Non ho mai perso tempo, ho studiato e non ho perso anni. Mi sono dato da fare, sono una persona molto “iperattiva”, faccio fatica a stare fermo. Quando stavo male e non riuscivo ad andare in giro, l’unica consolazione erano film e libri.

davide meneghini1
davide meneghini1

Quando finalmente hai finito tutte le operazioni e sei uscito dall’ospedale e dalla convalescenza, qual è la prima cosa che hai voluto fare e che prima non avresti potuto?

Sono andato all’università. Ho finito la convalescenza il 3 ottobre e il 7 ero già in ateneo, quindi anche qui non ho voluto perdere tempo. Avevo le stampelle ma volevo a tutti i costi cominciare la mia nuova vita, in un ambiente nuovo e con gente nuova.

Come sei riuscito a superare gli ostacoli negli anni? E ancora adesso hai persone che ti “mettono i bastoni tra le ruote”?

Eccome, ma penso sempre che arrabbiarsi non risolva le cose, anzi, le peggiora. Difficilmente sono una persona con cui si litiga. Butto giù tanto, raramente mi offendo, anche quando mi capitano ostacoli vado sempre avanti, con ben in mente l’idea di procedere sempre nella vita. Certo, mi sono dovuto difendere da attacchi che ci sono soprattutto in certi ambienti maschili… non mi sono mai lasciato intimorire, ho sempre fronteggiato chi mi stava davanti. Vedo in ogni esperienza qualcosa da cui puoi imparare e che ti può potenzialmente cambiare la vita.

davide meneghini 7
davide meneghini 7

Che messaggio vuoi lanciare a chi è in una situazione simile alla tua e si sente perso?

È difficile dare consigli, ma ci provo comunque. Diciamo che chi vive una vita più dura rispetto ai propri coetanei ha una mentalità più pronta ad affrontare le cose. Il mio consiglio è forgiare il proprio carattere. Ovviamente sarebbe meglio per tutti non soffrire, ma più si soffre più si diventa forti. Il cervello, a furia di trovarsi davanti a ostacoli che derivano da te stesso ma soprattutto dal mondo che ti circonda, impara a superare le difficoltà: vede l’ostacolo ed è già preparato a oltrepassarlo.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli