Italia markets closed
  • FTSE MIB

    26.565,41
    -317,06 (-1,18%)
     
  • Dow Jones

    34.725,47
    +564,69 (+1,65%)
     
  • Nasdaq

    13.770,57
    +417,79 (+3,13%)
     
  • Nikkei 225

    26.717,34
    +547,04 (+2,09%)
     
  • Petrolio

    87,29
    +0,68 (+0,79%)
     
  • BTC-EUR

    33.935,91
    +1.097,78 (+3,34%)
     
  • CMC Crypto 200

    863,83
    +21,37 (+2,54%)
     
  • Oro

    1.792,30
    -2,70 (-0,15%)
     
  • EUR/USD

    1,1152
    +0,0005 (+0,04%)
     
  • S&P 500

    4.431,85
    +105,34 (+2,43%)
     
  • HANG SENG

    23.550,08
    -256,92 (-1,08%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.136,91
    -48,06 (-1,15%)
     
  • EUR/GBP

    0,8320
    -0,0008 (-0,10%)
     
  • EUR/CHF

    1,0375
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,4232
    +0,0044 (+0,31%)
     

DAX: ecco i livelli da monitorare

·2 minuto per la lettura

Forte correzione anche per il DAX, dopo la serie di sedute al rialzo che avevano portato il principale indice azionario tedesco in prossimità dei massimi assoluti registrati a novembre 2021 in area 16.300 punti. La situazione di ipercomprato segnalata nelle precedenti newsletter ha anticipato la correzione che si è effettivamente verificata ieri, la quale ha riportato i corsi al test del livello tondo e psicologico dei 16.000 punti. Una violazione di tale livello potrebbe portare le quotazioni al di sotto del supporto a 15.800 punti, dove passa il livello orizzontale lasciato in eredità dai massimi segnati a giugno e luglio 2021. Se ciò dovesse accadere, si potrebbe assistere ad una prima flessione verso i 15.600 punti, con i corsi che avrebbero la possibilità di mirare ai 15.400 punti, dove passa la trendline disegnata con i massimi del 13 agosto e 7 settembre 2021. Da un punto di vista operativo, si potrebbero sfruttare eventuali ritorni sulla zona di concentrazione di domanda a 15.500 punti per valutare strategie long con ampio rapporto di rischio/rendimento. Lo stop loss sarebbe identificabile a 15.280 punti, mentre l’obiettivo sarebbe posizionabile a 16.000 punti. Al contrario, l’operatività short potrebbe essere valutata nell’eventualità di una discesa al di sotto dei 15.800 punti. Lo stop loss sarebbe posizionabile a 16.000 punti e il target collocabile a 15.500 punti.

SCENARIO RIALZISTA

Strategie long valutabili da 15.500 punti con stop loss a 15.280 punti e obiettivo a 16.000 punti.

PRODOTTO BARRIERA ISIN SCADENZA

TURBO LONG 13.500,32 NLBNPIT10L82 OPEN END

TURBO LONG 13.086,26 NLBNPIT10BC6 OPEN END

SCENARIO RIBASSISTA

Strategie short valutabili da 15.800 punti con stop loss a 16.000 punti e obiettivo a 15.500 punti.

PRODOTTO BARRIERA ISIN SCADENZA

TURBO SHORT 17.552,00 NLBNPIT125S2 OPEN END

TURBO SHORT 17.936,63 NLBNPIT125T0 OPEN END

Autore: Investimenti Bnp Paribas Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli