Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.965,63
    -127,47 (-0,55%)
     
  • Dow Jones

    31.496,30
    +572,16 (+1,85%)
     
  • Nasdaq

    12.920,15
    +196,68 (+1,55%)
     
  • Nikkei 225

    28.864,32
    -65,78 (-0,23%)
     
  • Petrolio

    66,28
    +2,45 (+3,84%)
     
  • BTC-EUR

    41.375,14
    +544,25 (+1,33%)
     
  • CMC Crypto 200

    982,93
    +39,75 (+4,21%)
     
  • Oro

    1.698,20
    -2,50 (-0,15%)
     
  • EUR/USD

    1,1916
    -0,0063 (-0,52%)
     
  • S&P 500

    3.841,94
    +73,47 (+1,95%)
     
  • HANG SENG

    29.098,29
    -138,51 (-0,47%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.669,54
    -35,31 (-0,95%)
     
  • EUR/GBP

    0,8612
    -0,0004 (-0,05%)
     
  • EUR/CHF

    1,1085
    -0,0036 (-0,32%)
     
  • EUR/CAD

    1,5068
    -0,0094 (-0,62%)
     

DAX: venditori aumentano le pressioni

Investimenti Bnp Paribas
·2 minuto per la lettura

Le quotazioni dell’indice di Borsa DAX continuano a mostrare una maggiore debolezza rispetto al FTSE Mib. Dopo aver formato un modello di Oops i prezzi hanno iniziato a scendere in maniera importante fino a portarsi verso il primo supporto fornito dalla linea di tendenza che unisce i massimi dell’8 e 21 gennaio 2021, transitante a 13.850 punti, corrispondente anche al 38,2% del ritracciamento di Fibonacci disegnato su tutta la gamba ascendente iniziata il 28 gennaio 2021. Per i compratori ora i livelli più importanti da recuperare sono quelli dei 14.050 e 14.100 punti, che se superati riuscirebbero a interrompere la fase di massimi decrescenti in atto dall’8 gennaio scorso. Se invece i prezzi dovessero proseguire la discesa, magari accelerandola, il pericolo principale è quello di un tentativo di attivazione del modello di doppio massimo in area di top storici ben visibile sul grafico giornaliero che ha come neckline la zona dei 13.500 punti. Ricordiamo che questa figura avrebbe obiettivo minimo in zona 12.500 punti, intorno dove verrebbe messo a repentaglio il rally iniziato a novembre 2020. Da un punto di vista operativo si potrebbero valutare strategie long in caso di allunghi ribassisti a 13.700 punti con stop loss a 13.580 punti e target a 13.900 punti. Per quanto riguarda l’operatività short sarebbe invece attivabile da 13.960 punti con stop loss a 14.060 punti e obiettivo a 13.800 punti.

SCENARIO RIALZISTA

Strategie long possono essere valutate da 13.700 punti con stop loss a 13.580 punti e target a 13.900 punti.

PRODOTTO BARRIERA ISIN SCADENZA

TURBO LONG 12.250,0000 NLBNPIT10WU4 16/06/2021

TURBO LONG 12.500,0000 NLBNPIT10CM3 16/06/2021

SCENARIO RIBASSISTA

Strategie short valutabili da 13.960 punti con stop loss a 14.060 punti e obiettivo a 13.800 punti.

PRODOTTO BARRIERA ISIN SCADENZA

TURBO SHORT 15.500,0000 NLBNPIT10CU6 16/06/2021

TURBO SHORT 15.2500000 NLBNPIT10WX8 16/06/2021

Autore: Investimenti Bnp Paribas Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online