Italia markets closed

Dazi, Coldiretti: stop embargo Russia, perso oltre 1 miliardo -2-

Mlp

Roma, 13 feb. (askanews) - Il rischio - continua la Coldiretti - riguarda anche la ristorazione italiana in Russia che, dopo una rapida esplosione, rischia di essere frenata per la mancanza degli ingredienti principali. In alcuni casi i piatti sono spariti dai menu mentre, in altri, sono stati sostituiti da tarocchi locali o esteri senza però che ci sia nella stragrande maggioranza dei ristoranti una chiara indicazione nei menu.

Un blocco dunque dannoso per l'Italia anche se - precisa la Coldiretti - va segnalato che negli ultimi anni si è verificato un recupero e nel 2019 l'export agroalimentare italiano è cresciuto del 5% rispetto all'anno precedente grazie ai comparti non colpiti dall'embargo, come il vino, le paste alimentari, pomodori pelati e polpe, tabacchi e olio, a conferma della fame d'Italia dei cittadini russi. I valori - conclude la Coldiretti - rimangono comunque nettamente inferiori a quelli del 2013, l'ultimo anno prima dell'embargo, quando le esportazioni agroalimentari Made in Italy avevano raggiunto i 705 milioni di euro.

"Si tratta di un costo insostenibile per l'Italia e l'Unione Europea ed è importante che si riprenda la via del dialogo", afferma il presidente della Coldiretti Ettore Prandini nel sottolineare che "il settore agroalimentare è stato merce di scambio nelle trattative internazionali senza alcuna considerazione del pesante impatto che ciò comporta sul piano economico, occupazionale e ambientale".