Italia Markets close in 2 hrs 9 mins

Dazi, Confagricoltura: accordo Usa-Cina, forte impatto agricoltura

Rbr

Roma, 12 ott. (askanews) - "L'accordo parziale tra Stati Uniti e Cina è destinato ad avere un forte impatto sull'evoluzione dei mercati agricoli su scala mondiale". Lo ha dichiarato il presidente di Confagricoltura, Massimiliano Giansanti, in merito all'intesa con la Cina annunciata ieri alla Casa Bianca.

Confagricoltura ricorda che nel 2017, prima dell'avvio della "guerra" commerciale, le esportazioni agroalimentari Usa verso la Cina ammontavano a circa 20 miliardi di dollari. Ora si è scesi a meno della metà.

"Dalle cifre che sono state indicate - ha aggiunto Giansanti - la Cina si è impegnata a far salire le importazioni ad almeno 40 miliardi di dollari l'anno, con l'obiettivo di arrivare fino a 50". "In questo scenario ravvicinato di forte crescita delle esportazioni Usa verso la Cina, saranno inevitabili le conseguenze sull'evoluzione dei mercati internazionali dei prodotti agricoli, in termini di prezzo e flussi commerciali" ha sottolineato Giansanti, ricordando, ad esempio, che da circa un anno gli Stati Uniti sono diventati il primo fornitore di semi di soia del mercato europeo".

Ora il 18 ottobre, a meno di fatti nuovi, scatteranno i dazi aggiuntivi Usa sulle importazioni dalla Ue per un controvalore di 7,5 miliardi di dollari nell'ambito del contenzioso relativo agli aiuti pubblici al consorzio Airbus.

"E' di fondamentale importanza avviare un negoziato diretto con gli Stati Uniti per fermare i dazi e scongiurare una nuova guerra commerciale che avrebbe pesantissimi effetti sul sistema agroalimentare", ha concluso Giansanti. Il presidente di Confagricoltura ha indirizzato per questo una lettera al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, per sollecitare un'iniziativa dell'Italia.