Italia markets open in 8 hours 5 minutes
  • Dow Jones

    35.116,40
    +278,24 (+0,80%)
     
  • Nasdaq

    14.761,29
    +80,23 (+0,55%)
     
  • Nikkei 225

    27.641,83
    -139,19 (-0,50%)
     
  • EUR/USD

    1,1871
    -0,0006 (-0,05%)
     
  • BTC-EUR

    32.271,14
    -1.188,80 (-3,55%)
     
  • CMC Crypto 200

    928,35
    -15,09 (-1,60%)
     
  • HANG SENG

    26.194,82
    -40,98 (-0,16%)
     
  • S&P 500

    4.423,15
    +35,99 (+0,82%)
     

Ddl Zan, Adinolfi: "Legge va ritirata, video di Fedez pericolosi"

·1 minuto per la lettura

Il Ddl Zan "va ritirato", i video di Fedez "sono pericolosi" Mario Adinolfi, presidente nazionale del Popolo della Famiglia, interviene sulla questione del ddl Zan dopo la nota vaticana che chiede la modifica della legge. "Non so cos’altro debba accadere per far capire ad Alessandro Zan e ai suoi sodali che la legge che porta il suo nome va ritirata, perché è una legge sbagliata e pericolosa. La presa di posizione della Santa Sede arriva dopo mesi in cui cittadini e organizzazioni di ogni estrazione hanno chiesto di rendersi conto che si tornava a immaginare il carcere per gli oppositori politici secondo lo schema applicato in Italia solo con le leggi fascistissime del 1926. Mi auguro che Luigi Di Maio, che come ministro degli Esteri è il naturale referente delle rimostranze diplomatiche vaticane, colga l’occasione e con Giuseppe Conte tolga il consenso a un ddl sbagliato", dice.

"Dai falsi cattolici come Renzi e Letta non m’aspetto nulla: uno è il padre delle unioni civili, l’altro - aggiunge Adinolfi in una nota - s’è persino concesso nel delirio pre-estivo di sentirsi Papa e proclamare la necessità di ordinare le donne-prete (Francesco ha ripagato Letta promulgando il VI Libro del codice del diritto canonico che prevede la scomunica per chi ci prova). D’altronde per costoro il punto di riferimento è Fedez, che parla ai seguaci con video pericolosi che invitano milioni di persone a non riconoscersi nei patti fondativi della Repubblica, tra cui quel concordato esplicitamente citato all’articolo 7 della Costituzione e rinnovato da Italia e Vaticano nel 1984. Ai patti fondativi e alla Costituzione siamo tutti sottomessi - conclude- altrimenti si sceglie la via eversiva che suonerebbe un po’ ipocrita se impostata dagli attici dei megaricchi beneficiati dal sistema".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli