Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.218,16
    -495,44 (-1,93%)
     
  • Dow Jones

    33.290,08
    -533,37 (-1,58%)
     
  • Nasdaq

    14.030,38
    -130,97 (-0,92%)
     
  • Nikkei 225

    28.964,08
    -54,25 (-0,19%)
     
  • Petrolio

    71,50
    +0,46 (+0,65%)
     
  • BTC-EUR

    30.121,74
    -2.064,88 (-6,42%)
     
  • CMC Crypto 200

    888,52
    -51,42 (-5,47%)
     
  • Oro

    1.763,90
    -10,90 (-0,61%)
     
  • EUR/USD

    1,1865
    -0,0045 (-0,38%)
     
  • S&P 500

    4.166,45
    -55,41 (-1,31%)
     
  • HANG SENG

    28.801,27
    +242,68 (+0,85%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.083,37
    -74,77 (-1,80%)
     
  • EUR/GBP

    0,8590
    +0,0041 (+0,49%)
     
  • EUR/CHF

    1,0935
    +0,0016 (+0,15%)
     
  • EUR/CAD

    1,4786
    +0,0075 (+0,51%)
     

Ddl Zan, Gullotta: "E' civiltà, ma a destre del cittadino non frega niente"

·1 minuto per la lettura

"Non si può fare finta che il Ddl Zan non serva, che è inutile, come fa la destra per accontentare il proprio elettorato. Il Ddl Zan è civiltà. È una legge che serve al Paese per tutelarsi dalla omotransfobia e invece la destra non fa altro che usare slogan. Parla alla pancia, ma fa solo finta che gli stia a cuore il cittadino". Leo Gullotta sottolinea con l’Adnkronos l’importanza del disegno di legge proposto dal dem Alessandro Zan e punta il dito contro il modo di fare politica della destra.

“Non importa alle destre di far crescere il Paese e così ricorrono a frasi fatte e strategie: prima erano i giubbotti, ora sono le mascherine tutte diversificate – è critico Gullotta – ma il punto è che le destre non hanno programmi e fanno solo costantemente campagna elettorale. Del cittadino non gliene frega niente”.

Per quanto riguarda invece le polemiche sul 1 maggio e il caso Fedez-Rai, "la lettera di Fedez sul palco del Concertone è stata giusta, perfetta. E ha fatto bene anche a chiarire qualcosa che aveva subìto esprimendosi liberamente con educazione e civiltà, informando il pubblico da cittadino, laddove di contro c’è stata una cosa che non dovrebbe esistere nel 2021 in un servizio pubblico e cioè la censura che, anche se silenziosa, nel nostro Paese così democratico, ahimè, c’è sempre stata, nascosta, massonica", denuncia all’Adnkronos un modus operandi, per l’appunto censorio, che a suo parere in Italia non sarebbe una novità. "Da cittadino – rimarca l’attore - ha sentito il bisogno di chiarire qualcosa che aveva subìto prima di andare in onda. Non si può accettare che qualcuno decida cosa puoi dire e cosa non puoi dire. Non posso che essere accanto a Fedez".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli