Italia markets open in 3 hours 34 minutes
  • Dow Jones

    33.815,90
    -321,41 (-0,94%)
     
  • Nasdaq

    13.818,41
    -131,81 (-0,94%)
     
  • Nikkei 225

    28.983,31
    -204,86 (-0,70%)
     
  • EUR/USD

    1,2028
    +0,0010 (+0,08%)
     
  • BTC-EUR

    41.453,37
    -2.917,59 (-6,58%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.130,33
    -112,72 (-9,07%)
     
  • HANG SENG

    29.040,66
    +285,32 (+0,99%)
     
  • S&P 500

    4.134,98
    -38,44 (-0,92%)
     

Debito pubblico: Bankitalia, balza a gennaio a quota 2.603,1 mld

Daniela La Cava
·1 minuto per la lettura

Sale a gennaio il debito delle Amministrazioni pubbliche. Stando ai dati diffusi dalla Banca d'Italia, il debito è aumentato di 33,9 miliardi di euro rispetto alla fine del 2020, risultando pari a 2.603,1 miliardi. L’incremento, spiegano da Bankitalia, è dovuto all’aumento delle disponibilità liquide del Tesoro (32,6 miliardi, a 75,1) e al fabbisogno delle Amministrazioni pubbliche (2,1 miliardi); l’effetto degli scarti e dei premi all’emissione e al rimborso, della rivalutazione dei titoli indicizzati all’inflazione e della variazione dei tassi di cambio ha ridotto il debito per 0,9 miliardi. Con riferimento alla ripartizione per sottosettori, il debito delle Amministrazioni centrali è aumentato di 33,6 miliardi e quello delle Amministrazioni locali di 0,3 miliardi; il debito degli Enti di previdenza è rimasto stabile. A gennaio la quota del debito detenuta dalla Banca d’Italia è risultata pari al 21,8% (21,6% a dicembre). La vita media residua del debito è leggermente diminuita rispetto a dicembre, a 7,3 anni.