Italia markets closed
  • Dow Jones

    29.408,37
    +144,89 (+0,50%)
     
  • Nasdaq

    11.822,49
    -32,48 (-0,27%)
     
  • Nikkei 225

    25.527,37
    -106,93 (-0,42%)
     
  • EUR/USD

    1,1832
    -0,0031 (-0,26%)
     
  • BTC-EUR

    15.518,51
    -34,56 (-0,22%)
     
  • CMC Crypto 200

    362,67
    +1,24 (+0,34%)
     
  • HANG SENG

    26.486,20
    +34,66 (+0,13%)
     
  • S&P 500

    3.557,79
    +0,25 (+0,01%)
     

Debito pubblico: Bankitalia, record a 2.582,6 mld a settembre

Daniela La Cava
·1 minuto per la lettura

Nuova salita e nuovo record del debito pubblico italiano. Nel mese di settembre il debito delle amministrazioni pubbliche si è attestato a 2.582,6 miliardi di euro, in aumento di 3,8 miliardi rispetto al mese precedente. Lo rende noto la Banca d'Italia nella pubblicazione statistica “Finanza pubblica: fabbisogno e debito”. "Il fabbisogno del mese (20,9 miliardi) è stato solo parzialmente compensato - spiega Bankitalia - dalla riduzione delle disponibilità liquide del Tesoro (-16,3 miliardi, a 84,5) e dall’effetto degli scarti e dei premi all’emissione e al rimborso, della rivalutazione dei titoli indicizzati all’inflazione e della variazione dei tassi di cambio (che hanno complessivamente ridotto il debito di 0,8 miliardi)". Con riferimento alla ripartizione per sottosettori, il debito delle Amministrazioni centrali è aumentato di 4,4 miliardi, mentre quello delle Amministrazioni locali è diminuito di 0,6 miliardi; il debito degli Enti di previdenza è rimasto sostanzialmente stabile. Rispetto al mese precedente, la vita media residua del debito è rimasta sostanzialmente stabile, risultando pari a 7,2 anni. La quota del debito detenuta dalla Banca d’Italia è aumentata di 0,4 punti percentuali, al 20,5 per cento.