Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.709,56
    -254,37 (-0,98%)
     
  • Dow Jones

    34.584,88
    -166,44 (-0,48%)
     
  • Nasdaq

    15.043,97
    -137,96 (-0,91%)
     
  • Nikkei 225

    30.500,05
    +176,71 (+0,58%)
     
  • Petrolio

    71,96
    -0,65 (-0,90%)
     
  • BTC-EUR

    40.363,85
    -1.247,54 (-3,00%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.193,48
    -32,05 (-2,62%)
     
  • Oro

    1.753,90
    -2,80 (-0,16%)
     
  • EUR/USD

    1,1732
    -0,0040 (-0,34%)
     
  • S&P 500

    4.432,99
    -40,76 (-0,91%)
     
  • HANG SENG

    24.920,76
    +252,91 (+1,03%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.130,84
    -39,03 (-0,94%)
     
  • EUR/GBP

    0,8535
    +0,0006 (+0,06%)
     
  • EUR/CHF

    1,0927
    +0,0013 (+0,12%)
     
  • EUR/CAD

    1,4966
    +0,0044 (+0,29%)
     

Debole su realizzi in attesa WS, deboli le banche, giù Stellantis

·2 minuto per la lettura
Una donna davanti l'ingresso della Borsa di Milano

MILANO (Reuters) - Prevalgono i realizzi a Piazza Affari, e più in generale sugli altri mercati europei, in una seduta in trading range con pochi volumi e spunti.

Sui mercati c'è attesa per la riapertura di Wall Street dopo la chiusura per festività di ieri. Le indicazioni che provengono dai futures indicano un avvio debole per i principali indici Usa.

I mercati si muovono comunque sui massimi, a partire dalle borse asiatiche nella chiusura di stamani, sulle attese che la Fed ritardi l'inizio del "tapering", mantenendo la politica di espansione monetaria nel breve termine.

Inoltre, gli investitori si preparano all meeting Bce di giovedì in cui l'istituto centrale europeo discuterà della possibilità di ridurre le misure di stimolo.

Intorno alle 12,40 l'indice FTSE Mib cede lo 0,52%. Volumi intorno ai 640 milioni di euro.

"Per il momento seduta molto tranquilla. Non ci sono grandi fattori che muovano le borse", osserva un trader.

Tra i titoli in evidenza:

Ritracciano le banche dopo la recente corsa, con UNICREDIT e INTESA SANPAOLO in flessione rispettivamente dello 0,4% e dello 0,6%. BPER arretra dello 0,8%.

Lieve calo per STM (-0,2%) dopo il recente rally in scia del balzo dei tecnologici in Usa e Europa. A livello europeo il settore perde lo 0,3% dopo i massimi toccati ieri.

Torna a scendere il settore oil penalizzato dal calo del Brent: SAIPEM perde lo 0,6%, ENI è invece stabile, TENARIS perde lo 0,2%. Cede l'1,2% MAIRE TECNIMONT.

Fra gli industriali, venduta STELLANTIS in flessione dell'1,2% in un contesto dell'automotive europeo poco mosso.

Nel lusso rientra il balzo di FERRAGAMO, che si muove piatta, in attesa della semestrale oggi a mercati chiusi. Decisamente meglio MONCLER (+1,2%), su cui Citigroup ha alzato il target price a 68 euro da 65.

Tiene le posizioni DIASORIN dopo i recenti massimi a 205,8 euro, a un passo dal record storico di poco sopra i 211 euro toccato a fine maggio 2020 nel pieno della prima ondata del Covid-19 grazie al continuo, massiccio ricorso ai test molecolari e antigenici.

Fra i minori spunti su LABOMAR (+2,9%), mentre SESA sale dello 0,2% dopo l'accordo di partnership per lo sviluppo di piattaforme digitali per l'e-commerce sul mercato cinese per prodotti nutraceutici.

(Giancarlo Navach, in redazione a Milano Gianluca Semeraro)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli