Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.744,38
    +215,69 (+0,88%)
     
  • Dow Jones

    34.200,67
    +164,68 (+0,48%)
     
  • Nasdaq

    14.052,34
    +13,58 (+0,10%)
     
  • Nikkei 225

    29.683,37
    +40,68 (+0,14%)
     
  • Petrolio

    63,07
    -0,39 (-0,61%)
     
  • BTC-EUR

    51.193,82
    -830,56 (-1,60%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.398,97
    +7,26 (+0,52%)
     
  • Oro

    1.777,30
    +10,50 (+0,59%)
     
  • EUR/USD

    1,1980
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • S&P 500

    4.185,47
    +15,05 (+0,36%)
     
  • HANG SENG

    28.969,71
    +176,57 (+0,61%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.032,99
    +39,56 (+0,99%)
     
  • EUR/GBP

    0,8657
    -0,0026 (-0,30%)
     
  • EUR/CHF

    1,1020
    -0,0013 (-0,12%)
     
  • EUR/CAD

    1,4982
    -0,0028 (-0,18%)
     

Decreto sostegno 2021, ok Cdm: 32 miliardi a imprese e lavoratori

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·5 minuto per la lettura

Per imprese e lavoratori arrivano 32 miliardi. Il Consiglio dei ministri ha approvato il decreto sostegni che "è più o meno quello che sta già circolando. Tre quarti dell'importo sarà destinato alle imprese", ha annunciato il premier Mario Draghi in conferenza stampa, al termine del Cdm. "Siamo consapevoli che si tratta di un intervento parziale e per questo" c'è l'ipotesi di "un secondo stanziamento in occasione della presentazione del Def", ha aggiunto.

"I pagamenti inizieranno l'8 aprile per chi avrà fatto domanda, quindi 11 miliardi entreranno nell'economia nel mese di aprile", ha quindi sottolineato Draghi aggiungendo che si tratta di "un "intervento significativo nei confronti dei meno abbienti, di coloro che hanno perso il lavoro e i sussidi di disoccupazione. Quindi si pensa a un'estensione del reddito di emergenza sia della platea sia degli importi stanziati".

Con il decreto saranno distribuite in tutto "risorse per 32 miliardi di euro a imprese, lavoratori, scuola, sanità e turismo invernale. Una grandissima iniezione di fiducia per le attività e le partite iva colpite dalle chiusure degli ultimi mesi. Il Governo c'è e ci sarà", ha fatto presente su Twitter il ministro Federico D'Incà.

"Sulle imprese c'è una parte destinata al ristoro o indennizzo delle imprese che operano nella montagna, molte poste di questo decreto sono indirizzate al turismo e c'è un provvedimento molto importante per gli autonomi per tutti i lavoratori inclusi i lavoratori del settore agricolo, con decontribuzione da due miliardi e mezzo, abbiamo aggiunto un miliardo e mezzo al miliardo precedentemente" stanziato, ha detto ancora Draghi ricordando che "il turismo è il settore più colpito e vale veramente la pena continuare a investire, perché a fine pandemia tornerà, perché fortunatamente è l'Italia, quindi quella del turismo è un'industria prospera e in grado di occupare molte persone".

Quanto allo stralcio delle cartelle "questo in effetti è un condono, ma di multe di oltre 10 anni fa, che noi abbiamo contenuto nell'importo di 5000 euro" che al netto di sanzioni varie "corrispondono circa a 2500 euro" e "dentro un tetto, uno scaglione di reddito per cui questo azzeramento" permette "all'amministrazione di perseguire la lotta all'evasione in modo più efficiente". "E' chiaro che in questo caso qualcosa non funziona se uno Stato permette l'accumulo di milioni di cartelle che non si riescono ad esigere e per questo" nel decreto è prevista "una modifica delle norme della riscossione, in altre parole di vuole una riforma -spero piccola- del meccanismo di controllo e scarico delle cartelle". "Il fatto di accedere a un condono non elimina il problema, permette un piccolo sollievo ma un vero sollievo viene da una riforma del meccanismo", se si deve fare un condono "si deve fare per una parte piccola della platea dei contribuenti e forse quella che ha meno disponibilità e per importi molto limitati".

Dopo un braccio di ferro durato ben due ore e mezzo, a quanto apprende l'Adnkronos, sarebbe passata la proposta di mediazione sul nodo cartelle avanzata dal ministro Franco e del premier Draghi, dubbioso su una sanatoria di ampio respiro. Dunque sì alla cancellazione di vecchie cartelle, ma solo con un reddito Irpef che non superi i 30mila euro. Il colpo di bianchetto sulle cartelle varrà fino al 2011, mentre inizialmente avrebbe dovuto coprire il periodo 2000-2015. Fino al 2015, la mediazione raggiunta in Cdm, la cancellazione dovrebbe essere legata alla riforma per l'efficientamento del sistema della riscossione chiesta da Lega e Fi. Si tratta di vecchie cartelle fino a 5000 euro di importo, che a questo punto verranno cancellate solo per chi ha un reddito Irpef sotto i 30mila euro e non per tutti, come inizialmente previsto e caldeggiato da Lega, Fi e anche M5S, pur con alcuni distinguo.

Il decreto legge sostegni da 32 miliardi di euro ''si muove su margini di bilancio definiti dallo scostamento''. Si articola in ''5 linee di intervento'', afferma il ministro dell'Economia, Daniele Franco, nel corso della conferenza stampa che segue il Cdm. "Il principale contributo'' è per le partite iva, con una platea potenziale di 5,7 milioni di soggetti. L'Agenzia delle entrate stima che circa 3 milioni riceveranno i fondi'', per una media di ''3.700 euro per soggetto".

Il decreto prevede un capitolo salute e sicurezza, su cui ''stanziamo quasi 5 miliardi di euro. La posta principale e l'acquisto di vaccini e farmaci per 2,8 miliardi di euro'', ha affermato ancora il ministro dell'Economia. Altre risorse saranno destinate ''per la logistica e ogni altro intervento per la gestione della crisi pandemica che in buona parte'' saranno gestiti da parte del commissario straordinario. Inoltre è previsto un intervento '' per creare un fondo per la produzione di vaccini in Italia''.

Il secondo pilatro del decreto legge sostegno ''è costituito da interventi per il sostegno del lavoro e per il contrasto della povertà, dove stanziamo circa 8 miliardi di euro', ha aggiunto. "Vi sono vari interventi'' per il settore del turismo. ''Poi che questi siano la risposta definitiva probabilmente no, probabilmente dovremmo tornarci su però sotto vari profili il decreto cerca di dare un sostegno al settore'', ha detto ancora. Le aziende del settore turistico, ricorda il ministro, ''ricevono interventi orizzontali, sono parte dell'intervento principale da 11 miliardi''. Poi c'è ''una parte di intervento di cui non abbiamo accennato prima che prevede un sostegno ai soggetti per i pagamenti delle bollette elettriche. Il settore è interessato anche dagli ''interventi per i lavoratori stagionali'', e sono previste misure ''per l'industria della neve che è stata colpita fortemente''. Infine ''vi sono alcuni interventi specifici per alcune filiere, come quella dei centri storici, quella collegata agli eventi''.