Italia markets closed
  • Dow Jones

    32.853,54
    -161,83 (-0,49%)
     
  • Nasdaq

    13.121,12
    -404,08 (-2,99%)
     
  • Nikkei 225

    30.216,75
    +302,42 (+1,01%)
     
  • EUR/USD

    1,1912
    -0,0074 (-0,62%)
     
  • BTC-EUR

    48.917,88
    +321,40 (+0,66%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.156,21
    -18,01 (-1,53%)
     
  • HANG SENG

    29.405,72
    +371,60 (+1,28%)
     
  • S&P 500

    3.914,23
    -59,89 (-1,51%)
     

Decreto sostegno 2021, ristori a imprese da 1.000 a 150.000 euro

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·2 minuto per la lettura

I ristori per le imprese messe in crisi dalla pandemia di coronavirus andranno da un minimo di 1.000 euro a un massimo di 150.000 euro. Secondo quanto apprende l'Adnkronos nel decreto legge sostegno 2021, che sarà varato domani dal Cdm, saranno previsti oltre 11 miliardi per le imprese.

Il Consiglio dei ministri chiamato a varare il dl sostegni dovrebbe tenersi domani pomeriggio alle 15.

I ristori saranno graduati in 5 classi: dal 60% delle perdite fino a 100.000 euro di fatturato, fino a scendere al 10% per chi fattura tra i 5 e i 10 milioni. Si va da un minimo di 1.000 euro per le persone fisiche ad un massimo di 150.000 euro di ristoro.

I ristori per le imprese, previsti dal decreto legge sostegni, saranno erogati attraverso bonifici, o in alternativa crediti d’imposta, in maniera diretta nella seconda metà di aprile. I potenziali beneficiari potrebbero essere circa 3 milioni.

Sono 3,3 miliardi i fondi per gli enti territoriali, a quanto avrebbe comunicato il ministro dell'Economia Daniele Franco, nel corso dell'incontro con le Regioni e gli enti locali, secondo quanto si apprende da fonti presenti al vertice. In particolare 250 milioni andrebbero alle Regioni a statuto speciale, 900 ai comuni, 100 alle città metropolitane e alle province. Una cifra tra i 200 e 250 milioni andrà a coprire la mancata riscossione della tassa di soggiorno, un miliardo dovrà servire per ristorare le spese straordinarie sostenute dalle Regioni prima dell’8 aprile 2020 e 800 milioni per le aziende di tpl.

Salgono ancora le risorse nel dl sostegni da destinare all'acquisto di vaccini e farmaci anti-Covid, avvio della produzione italiana, campagna vaccinale e fondi per la gestione commissariale e la logistica del piano. La bozza del provvedimento circolata in mattinata prevedeva 4 miliardi destinati a questa voce, ma nelle ultime ore le risorse sarebbero lievitata sfiorando i 5 miliardi, per l'esattezza a 4,8, riferiscono fonti di governo all'Adnkronos.