Italia markets close in 8 hours 1 minute
  • FTSE MIB

    24.705,38
    +93,34 (+0,38%)
     
  • Dow Jones

    34.777,76
    +229,26 (+0,66%)
     
  • Nasdaq

    13.752,24
    +119,44 (+0,88%)
     
  • Nikkei 225

    29.518,34
    +160,52 (+0,55%)
     
  • Petrolio

    65,25
    +0,35 (+0,54%)
     
  • BTC-EUR

    48.474,71
    +322,11 (+0,67%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.569,19
    +133,41 (+9,29%)
     
  • Oro

    1.835,90
    +4,60 (+0,25%)
     
  • EUR/USD

    1,2149
    -0,0019 (-0,16%)
     
  • S&P 500

    4.232,60
    +30,98 (+0,74%)
     
  • HANG SENG

    28.523,81
    -86,84 (-0,30%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.026,21
    -8,04 (-0,20%)
     
  • EUR/GBP

    0,8639
    -0,0055 (-0,63%)
     
  • EUR/CHF

    1,0946
    -0,0006 (-0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,4712
    -0,0038 (-0,26%)
     

Def, Cia: agricoltura sia protagonista rilancio economico

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 19 apr. (askanews) - La presentazione del Documento economico finanziario si colloca nella fase cruciale di gestione e uscita dall'emergenza Covid. Affiancata al calendario per le riaperture, sposta l'asse dai ristori al rilancio dell'economia del Paese, di cui l'agricoltura deve essere protagonista. Così Cia-Agricoltori Italiani nell'intervento in audizione preliminare, sull'esame del Def 2021, in Commissioni riunite bilancio di Camera e Senato.

Per Cia, è in questo senso che vanno anche interpretate le parole del presidente del Consiglio, Mario Draghi, circa la necessità di riaprire con le dovute cautele. Del resto, lo scostamento di bilancio di ulteriori 40 miliardi, guarda al riposizionamento dell'Italia in un'ottica di "debito buono" e, quindi, di sostegno alla imprese, perché si possa recuperare terreno sul fronte delle perdite e degli investimenti.

In particolare, ha sottolineato Cia, l'agricoltura e l'agroalimentare hanno giocato un ruolo anticiclico rispetto agli altri settori dell'economia nazionale, tenendo più di tutti, pur di assicurare l'approvvigionamento alimentare, ma ciò non può farli considerare, ora, comparti secondari, in quanto restano altamente strategici nell'ambito dei consumi interni, come ad esempio per l'Horeca, e per l'export Made in Italy che dovrà recuperare quote a livello mondiale.

L'appello di Cia è, dunque, quello di tutelare anche le medie e piccole imprese agricole, meno corazzate rispetto ai grandi player e in questo momento più a rischio per carenza di liquidità. Le risorse del Def, insieme ai fondi del PNRR e del Next Generation Eu, devono, quindi, agevolarne rapidamente la ripresa e il rilancio in chiave innovativa e sostenibile. Allo stesso tempo, il Made in Italy, soprattutto quello agroalimentare, ha concluso Cia, deve essere pronto a recuperare il suo ruolo da protagonista nello scenario mondiale e per questo va consentito agli imprenditori del comparto, di tornare su quel fronte in modo adeguato.