Italia markets close in 3 hours 46 minutes
  • FTSE MIB

    25.441,71
    +90,11 (+0,36%)
     
  • Dow Jones

    34.838,16
    -97,31 (-0,28%)
     
  • Nasdaq

    14.681,07
    +8,39 (+0,06%)
     
  • Nikkei 225

    27.641,83
    -139,19 (-0,50%)
     
  • Petrolio

    71,59
    +0,33 (+0,46%)
     
  • BTC-EUR

    32.386,73
    -1.095,66 (-3,27%)
     
  • CMC Crypto 200

    934,25
    -26,65 (-2,77%)
     
  • Oro

    1.813,40
    -8,80 (-0,48%)
     
  • EUR/USD

    1,1889
    +0,0013 (+0,11%)
     
  • S&P 500

    4.387,16
    -8,10 (-0,18%)
     
  • HANG SENG

    26.194,82
    -40,98 (-0,16%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.125,86
    +9,24 (+0,22%)
     
  • EUR/GBP

    0,8535
    -0,0016 (-0,19%)
     
  • EUR/CHF

    1,0731
    -0,0015 (-0,14%)
     
  • EUR/CAD

    1,4865
    +0,0023 (+0,15%)
     

Del Bravo (Ismea): "Migliora clima fiducia imprese agricole e industria alimentare"

·1 minuto per la lettura

“Ismea ha rilevato anche un miglioramento del clima di fiducia delle imprese agricole e dell'industria alimentare, dopo l'inevitabile deterioramento che ha accompagnato tutto il corso del 2020”. Lo dice, in un’intervista all’Adnkronos/Labitalia, Fabio Del Bravo, responsabile Servizi di mercato Ismea. “Secondo l'indice Ismea - spiega - che sintetizza i giudizi degli operatori sulla situazione corrente e futura, sull'andamento degli ordini ci sarebbe un maggior ottimismo specie in relazione alle prospettive nel prossimo futuro”.

“I consumi alimentari delle famiglie italiane - continua - tra le mura domestiche, che sono stati fondamentali per sostenere il settore durante i mesi più duri della pandemia, continuano a mantenere un trend di crescita anche nel primo scorcio del 2021. Siamo ovviamente lontani dai livelli del 2020, quando, per effetto delle chiusure dei food service, si è registrata un’impennata della spesa alimentare con punte anche del 20% nelle fasi iniziali dell’emergenza rispetto all’era pre-pandemica”.

“Nel primo trimestre di quest’anno - ricorda - abbiamo rilevato un valore della spesa alimentare domestica superiore del 3% rispetto allo stesso periodo del 2020, e di ben il 12% sul 2019. Chiaramente, quest’aumento risente ancora del perdurare delle restrizioni alla socialità, e ci aspettiamo un progressivo indebolimento della tendenza alla crescita sulla scia delle riaperture e del ritorno alla normalità. Tuttavia, prevediamo che la spinta non si esaurirà del tutto, complice il diffuso ricorso all’’home-working, che da misura emergenziale sta diventando sempre di più un fenomeno strutturale per molti lavoratori italiani, spostando stabilmente alcuni pasti tra le mura di casa”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli