Italia markets open in 2 hours 40 minutes
  • Dow Jones

    28.210,82
    -97,97 (-0,35%)
     
  • Nasdaq

    11.484,69
    -31,80 (-0,28%)
     
  • Nikkei 225

    23.437,77
    -201,69 (-0,85%)
     
  • EUR/USD

    1,1846
    -0,0021 (-0,18%)
     
  • BTC-EUR

    10.782,15
    +1.452,75 (+15,57%)
     
  • CMC Crypto 200

    255,99
    +11,10 (+4,53%)
     
  • HANG SENG

    24.699,11
    -55,31 (-0,22%)
     
  • S&P 500

    3.435,56
    -7,56 (-0,22%)
     

Delitto di Cogne: la vita di Annamaria Franzoni dopo la libertà

·2 minuti per la lettura
Annamaria Franzoni oggi
Annamaria Franzoni oggi

Dopo essere stata dichiarata colpevole dell’omicidio del figlio Samuele e aver scontato la sua condanna, ridotta rispetto a quanto previsto inizialmente dalla Cassazione, Annamaria Franzoni è tornata libera nell’aprile 2019: cosa fa oggi e con chi vive?

TI POTREBBE INTERESSARE - Usa, uragano Sally porta caos e devastazione

Annamaria Franzoni oggi

Una volta scontati i domiciliari, la donna si è trasferita in una villa sulle colline bolognesi di Monteacuto Vallese, una frazione di San Benedetto Val di Sambro. Qui risiede insieme al marito Stefano Lorenzi e al figlio Gioelle, quest’ultimo nato un anno dopo la morte di Samuele. Davide invece, il terzo figlio della coppia, vivrebbe da un’altra parte.

Annamaria ha scelto di trasferirsi qui e mettere in vendita la casa in cui ha trascorso gli arresti per iniziare una nuova vita in forma riservata e lontano dai riflettori. L’ultima volta che è stata vista davanti alle telecamere è stato infatti durante la sua visita, nel 2019, all’abitazione di Cogne. Vale a dire quella in cui nel 2002 si consumò il delitto ai danni del figlio. I giudici le avevano vietato di recarvisi durante lo sconto dei domiciliari, ma una volta tornata libera la Franzoni non ha esitato a tornare lì dove tutto ha avuto inizio e la sua vita è radicalmente cambiata.

TI POTREBBE INTERESSARE - Accordo Emirati Arabi-Israele, proteste in Palestina

Proclamatasi sempre innocente, la donna aveva ricevuto nel 2014 una condanna in via definitiva a 16 anni di reclusione. Dopo averne trascorsi 6 nel carcere di Bologna, la magistratura le ha ridotto la pena e concesso di stare 5 anni agli arresti domiciliari. Annamaria li ha trascorsi nella casa di famiglia di Ripoli Santa Cristina, sull’Appennino bolognese, dove ha alternato un lavoro esterno in una cooperativa sociale alle ore con i due figli Davide e Gioele. Tra indulto e buona condotta, è riuscita a scontare solo 11 dei 16 anni originariamente previsti, tornando nel 2019 una donna libera.