Italia markets close in 1 hour 4 minutes
  • FTSE MIB

    21.865,37
    -253,83 (-1,15%)
     
  • Dow Jones

    31.433,16
    -67,52 (-0,21%)
     
  • Nasdaq

    11.506,70
    -100,92 (-0,87%)
     
  • Nikkei 225

    26.871,27
    +379,30 (+1,43%)
     
  • Petrolio

    108,06
    +0,44 (+0,41%)
     
  • BTC-EUR

    19.581,60
    -814,72 (-3,99%)
     
  • CMC Crypto 200

    451,27
    -10,53 (-2,28%)
     
  • Oro

    1.829,20
    -1,10 (-0,06%)
     
  • EUR/USD

    1,0578
    +0,0019 (+0,18%)
     
  • S&P 500

    3.897,10
    -14,64 (-0,37%)
     
  • HANG SENG

    22.229,52
    +510,46 (+2,35%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.529,97
    -3,20 (-0,09%)
     
  • EUR/GBP

    0,8607
    +0,0004 (+0,05%)
     
  • EUR/CHF

    1,0124
    +0,0025 (+0,24%)
     
  • EUR/CAD

    1,3652
    +0,0049 (+0,36%)
     

Di Cianni (Amd): "30% italiani con diabete ha retinopatia diabetica"

(Adnkronos) - In Italia “il 30% dei pazienti con diabete, sia di tipo 1 sia di tipo 2, è affetto anche da retinopatia diabetica, una grave patologia a carico degli occhi. Si tratta di una delle cause principali di cecità nel mondo occidentale, una complicanza invalidante e subdola perché la retinopatia diabetica non dà sintomi. Il paziente può non avere alcun disturbo oppure averne di gravi qual è il distacco della retina. Per questo motivo è fondamentale la prevenzione. Quindi è necessario controllare la glicemia e sottoporsi a screening del fondo dell’occhio come esame semplice che andrebbe fatto almeno ogni 1 o 2 anni. Se la popolazione diabetica si sottoponesse ad uno screening efficace come prescritto da tutte le linee guida, l’incidenza di questa patologia crollerebbe perché è possibile intervenire quando compaiono le prime lesioni. Non a caso proprio alla prevenzione della retinopatia diabetica abbiamo dedicato una apposita sessione del nostro convegno". Così all’Adnkronos Salute Graziano Di Cianni, presidente dell’Associazione medici diabetologi, a margine dell’XI Convegno nazionale Fondazione Amd, dal titolo "Amd per la diabetologia: crescita, comunità e partecipazione" che si è tenuto a Roma.

"Tutti i pazienti diabetici sono a rischio – afferma Di Cianni - perché lo sviluppo della retinopatia diabetica è correlata al controllo della glicemia e alla durata della malattia. Quindi se i pazienti si sottopongono ad un’azione di screening precoce ogni anno, o al massimo ogni due anni, noi medici diabetologi riusciamo ad intercettare le minime lesioni e quindi ad intervenire sui fattori di rischio. Ovviamente questo è possibile grazie alla collaborazione che deve esserci tra diabetologo e oculista perché la diagnosi finale e la tipologia di intervento spetta ai colleghi oculisti”.

Negli anni “abbiamo assistito ad una diminuzione dell’incidenza della retinopatia diabetica – sottolinea Di Cianni - perché si è capito che il controllo glicemico nel tempo è capace, in maniera preponderante, di agire sullo sviluppo di questa grave complicanza che può portare al distacco di retina e alla maculopatia. Quindi controllando la glicemia sin dall’inizio noi preveniamo la retinopatia diabetica”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli