Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.088,36
    -340,57 (-1,52%)
     
  • Dow Jones

    30.996,98
    -179,03 (-0,57%)
     
  • Nasdaq

    13.543,06
    +12,15 (+0,09%)
     
  • Nikkei 225

    28.631,45
    -125,41 (-0,44%)
     
  • Petrolio

    51,98
    -1,15 (-2,16%)
     
  • BTC-EUR

    27.060,29
    +330,94 (+1,24%)
     
  • CMC Crypto 200

    651,44
    +41,45 (+6,79%)
     
  • Oro

    1.855,50
    -10,40 (-0,56%)
     
  • EUR/USD

    1,2174
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • S&P 500

    3.841,47
    -11,60 (-0,30%)
     
  • HANG SENG

    29.447,85
    -479,91 (-1,60%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.602,41
    -15,94 (-0,44%)
     
  • EUR/GBP

    0,8893
    +0,0034 (+0,39%)
     
  • EUR/CHF

    1,0771
    +0,0005 (+0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,5494
    +0,0119 (+0,77%)
     

Di Lorenzo: "Il nostro vaccino è sicuro e tollerabile anche per gli anziani"

Edoardo Izzo
·1 minuto per la lettura

AGI - "Il vaccino è efficace al 90% con una grossa e importante tollerabilità ed efficacia soprattutto per gli anziani". Lo ha detto all'AGI Piero Di Lorenzo, amministratore delegato e presidente dell'Irbm di Pomezia, la biotech italiana che con l'Università di Oxford ha realizzato il vaccino anti-Covid anglo-italiano.

"L'obiettivo era quello di realizzare un vaccino sicuro ed efficace e penso che gli scienziati che ci hanno lavorato sono riusciti. L'efficacia del 90% è davvero importante, soprattutto perché il prodotto è ben tollerato dagli anziani", aggiunge Di Lorenzo.

Sul dosaggio del vaccino: "Viene data una mezza dose rispetto allo standard e poi un richiamo di una dose dopo un mese." Infine sulla produzione: "La nostra vocazione non è la produzione, ma abbiamo promesso al ministro Speranza che, se sarà necessario, daremo il nostro contributo per produrre una decina di milioni di dosi nel corso del 2021. È molto collaudato. Il nostro vaccino è assolutamente sicuro".

"Sui tempi della commercializzazione siamo fiduciosi. Aspettiamo le operazioni di controllo delle autorità regolatorie che probabilmente taglieranno sulla burocrazia, ma senza dubbio non sulla sicurezza che è la cosa più importante. Se la validazione arriverà prima di Natale - spiega Di Lorenzo - dovremmo avere subito circa 2 milioni di dosi per gli operatori sanitari e le persone più fragili. Per gli altri cittadini verranno consegnati a lotti nei mesi successivi tenendo presente che nel primo semestre dovranno essere consegnate 70 milioni di dosi totali".