Italia Markets close in 2 hrs 26 mins

Dichiarazione rilasciata in occasione della ricorrenza del primo anniversario dell'Acceleratore dell'imprenditoria femminile

·13 minuti per la lettura

Si riporta di seguito la dichiarazione rilasciata dai vertici dell'Acceleratore dell'imprenditoria femminile in occasione della ricorrenza del primo anniversario di questa rivoluzionaria iniziativa.

questo comunicato stampa include contenuti multimediali. Visualizzare l’intero comunicato qui: https://www.businesswire.com/news/home/20200925005228/it/

Anita Bhatia, Deputy Executive Director, UN Women

Un anno fa ci siamo impegnati ad educare e a promuovere l'emancipazione di dieci milioni di donne imprenditrici nell'arco dei prossimi dieci anni attraverso l'Acceleratore dell'imprenditoria femminile (Women’s Entrepreneurship Accelerator, WEA). Abbiamo cominciato a gettare le fondamenta per una trasformazione sistemica volta ad abbattere gli ostacoli che impediscono alle donne di raggiungere l'autonomia finanziaria e contribuire a un futuro migliore per sé stesse e per la collettività.

Oggi, in questa realtà senza precedenti, le donne si trovano davanti a un bivio d'importanza storica. Esse stanno risentendo in modo sproporzionato della crisi economica causata dal COVID-19 e, al tempo stesso, tengono nelle loro mani la chiave che apre la porta alla ripresa. Le donne costituiscono il 39% della forza lavoro globale, ma rappresentano il 54% dei posti di lavoro persi complessivamente durante la pandemia. Inoltre è molto più alta la probabilità che esse lavorino in settori vulnerabili come quelli della manifattura, dell'istruzione, del turismo, della ricezione alberghiera, della ristorazione e della vendita all'ingrosso e al dettaglio. Le imprese a conduzione femminile sono particolarmente suscettibili agli sconvolgimenti economici. Ma se agiamo adesso per contrastare queste tendenze, la partecipazione delle donne all'economia potrebbe tradursi in un contributo al PIL di 13 trilioni di dollari entro il 2030.1 Mettere le donne al centro delle iniziative di sviluppo economico e ricostruzione post-pandemia è nel miglior interesse di ogni nazione.

Questo è il motivo per cui le donne imprenditrici devono divenire le artefeci di una nuova economia globale; un'economia che sia sostenibile e resiliente e in cui tutti vengano trattati equamente. Siamo collettivamente responsabili della creazione di un ambiente che favorisca l'emancipazione in cui le imprese a conduzione femminile agiscono quali fautrici del cambiamento:

  • Quadri strategici: esortiamo gli Stati membri delle Nazioni Unite a mettere a punto dei quadri strategici nazionali con intenti concreti e obiettivi nazionali basati sui dati per accrescere il numero e potenziare le capacità delle imprese a conduzione femminile. Elogiamo i Paesi che hanno già implementato dei provvedimenti in risposta al COVID-19 volti a finanziare e a offrire servizi alle donne imprenditrici.2 Tuttavia le imprese a conduzione femminile non sono affatto contemplate nelle maggior parte dei piani d'intervento nazionali e nei programmi di sostegno alle piccole e medie imprese.

  • Accesso alle risorse finanziarie: il settore privato e il settore pubblico devono unire le forze per aumentare gli investimenti nelle imprese a conduzione femminile durante e dopo la pandemia. Ciò comprende lo sviluppo di soluzioni finanziarie innovative attraverso finanziamenti azionari e del debito e l'introduzione di agevolazioni fiscali per sostenere i settori colpiti più duramente dal COVID-19.

  • Approvvigionamento: governi e aziende di tutte le dimensioni possono generare un cambiamento economico incredibile acquistando dalle imprese a conduzione femminile. Bisogna accelerare la rappresentanza delle imprese a conduzione femminile entro le catene di approvvigionamento rivolgendosi attivamente a tali imprese, stabilendo e monitorando obiettivi e favorendo l'accesso da parte delle donne imprenditrici a nuove opportunità di vincita di appalti.

  • Educazione digitale: le donne imprenditrici devono poter accedere a informazioni, competenze digitali e formazione per potersi affermare quali leader e creatrici nel mondo online. È giunta l'ora di colmare il divario di genere nel mondo digitale e di garantire alle donne la piena facoltà di attingere a risorse educative flessibili e accessibili.

  • Misure di protezione sociale: a livello globale, le donne e le ragazze svolgono il 75% dei lavori domestici e di cura non retribuiti e tale percentuale non ha fatto che aumentare durante la pandemia. Le misure di protezione sociale come il congedo parentale, i servizi pubblici di assistenza all'infanzia, l'assicurazione sanitaria e l'indennità di disoccupazione devono essere rinforzate per includere le donne in situazioni occupazionali sia ufficiali che ufficiose, comprese le lavoratrici autonome. Ciò stabilizzerà intere comunità permettendo a un maggior numero di donne di prendere in considerazione l'intraprendimento di una carriera imprenditoriale.

  • Patronato intersettoriale: tutti noi svolgiamo un ruolo importante nel sostenere l'imprenditoria femminile. Il settore pubblico, il settore privato, le organizzazioni socio-civiche, le associazioni di categoria, gli istituti scolastici e universitari possono collaborare per sviluppare un ecosistema che permetta alle donne imprenditrici di prosperare.3

Rischiamo di lasciare indietro milioni di donne e di perdere decenni di progressi in materia di uguaglianza di genere se non puntiamo la luce sui bisogni delle donne nella risposta a lungo termine alla pandemia. Ciò comprende la necessità di abbattere ostacoli di lunga data e di garantire la protezione e la sicurezza di tutte le donne.

Gli effetti negativi del COVID-19 hanno esacerbato le disparità preesistenti che impediscono alle donne di diversa estrazione di partecipare in equa misura alla forza lavoro. Nello sviluppare strategie che sostengano il soddisfacimento dei bisogni economici delle donne, da incorporare nelle iniziative per la ripresa, è importante adottare un approccio intersezionale.

Creare un mondo che si confà alle esigenze delle imprese a conduzione femminile produce una reazione a catena di cambiamenti positivi da cui tutti traggono giovamento. La nostra risposta collettiva deve contemplare l'eliminazione delle disparità e lo sviluppo di economie sostenibili al cui centro vi sono le donne.

Investire nelle donne imprenditrici costituisce una premessa imprescindibile affinché le società possano uscire dalla pandemia più forti, inclusive e resilienti. Ne va del nostro futuro.

Sottoscritto da

Anita Bhatia
Vicedirettore esecutivo, UN Women

Pamela Coke-Hamilton
Direttore esecutivo, Centro per il commercio internazionale (International Trade Centre, ITC)

Annemarie Hou
Direttore esecutivo ad interim, Ufficio per i partenariati delle Nazioni Unite (UN Office for Partnerships)

Deborah Gibbins
Direttore operativo, Mary Kay Inc.

Informazioni sull'Acceleratore dell'imprenditoria femminile

L'Acceleratore dell'imprenditoria femminile (Women’s Entrepreneurship Accelerator) è un'iniziativa pluripartner intesa ad ispirare, educare e sostenere le donne imprenditrici in tutto il mondo. La mission dell'Acceleratore consiste nell'abbattere gli ostacoli per le donne imprenditrici in tutto il mondo attraverso Quattro percorsi emancipativi: educazione, finanziamenti, patrocinio e partecipazione. L'iniziativa di respiro globale istituita da Mary Kay Inc., cui si può aderire liberamente, è una collaborazione strategica sviluppata previa consultazione di sei agenzie delle Nazioni Unite: UN Women, Ufficio per i partenariati delle Nazioni Unite (United Nations Office for Partnerships, UNOP), Organizzazione internazionale del lavoro (International Labour Organization, ILO), Centro internazionale per il commercio (International Trade Centre, ITC), UN Global Compact (UNGC) e Programma per lo sviluppo delle Nazioni Unite (United Nations Development Programme, UNDP). L'Acceleratore si propone di promuovere l'emancipazione di 10 milioni di donne entro la fine del 2030.

Per ulteriori informazioni visitate http://www.we-accelerate.com. Seguiteci su: Twitter (We_Accelerator), Instagram (@we_accelerator), Facebook (@womensentrepreneurshipaccelerator).

Informazioni su UN Women

UN Women è l'entità delle Nazioni Unite dedicata all'eguaglianza di genere e all'emancipazione femminile. L'agenzia UN Women si adopera a sostegno di donne e ragazze in tutto il mondo ed è stata istituita per accelerare i progressi verso il soddisfacimento delle loro esigenze su scala globale.

UN Women fornisce assistenza agli Stati membri dell'ONU per quanto concerne la delineazione di standard globali per il raggiungimento dell'eguaglianza di genere e collabora con governi e la società civile per la messa a punto delle norme, delle politiche, dei programmi e dei servizi necessari per accertare che detti standard vengano implementati in maniera efficace e che arrechino effettivamente giovamento a donne e ragazze in tutto il mondo. Essa opera a livello globale per la concretizzazione della vision degli Obiettivi di sviluppo sostenibile per le donne e le ragazze e per promuovere l'equa partecipazione di quest'ultime a tutti gli aspetti della vita, ponendo particolare enfasi su quattro priorità strategiche:

Inoltre, UN Women coordina e promuove gli sforzi attuati dall'ONU per promuovere l'eguaglianza di genere e partecipa a tutte le deliberazioni e intese annesse all'Agenda 2030. L'entità si adopera per far sì che l'eguaglianza di genere divenga un elemento fondamentale degli Obiettivi di sviluppo sostenibile, nonché per rendere il mondo più inclusivo.

Informazioni sul Centro per il commercio internazionale (International Trade Centre, ITC)

Il Centro per il commercio internazionale (International Trade Centre, ITC) è un'agenzia amministrata congiuntamente dall'Organizzazione mondiale per il commercio (World Trade Organization) e dalle Nazioni Unite. L'ITC aiuta le microimprese e le piccole e medie imprese a svilupparsi e le economie in transizione a divenire più competitive nei mercati globali per contribuire allo sviluppo economico sostenibile in linea con il programma Aid-for-Trade e agli Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite.

L'iniziativa SheTrades dell'ITC ambisce a connettere tre milioni di donne imprenditrici e imprese a conduzione femminile con mercati internazionali entro il 2021. SheTrades collabora con governi, società pubbliche e organizzazioni che sostengono imprese private per la conduzione di ricerche, la delineazione di norme e politiche commerciali abilitanti, l'agevolazione di finanziamenti e l'ampliamento dell'accesso agli appalti pubblici e alle catene di approvvigionamento aziendali. SheTrades fornisce alle donne imprenditrici un ambiente di apprendimento diversificato e un'offerta formativa flessibile sulla sua piattaforma www.shetrades.com Per ulteriori informazioni visitate: www.intracen.org e seguite ITC su Twitter | Facebook | LinkedIn | Instagram | Flickr.

Informazioni sull'Organizzazione internazionale del lavoro (International Labour Organization, ILO)

L'Organizzazione internazionale del lavoro (International Labour Organization, ILO) è un'agenzia specializzata delle Nazioni Unite che è stata creata nel 1919 sulla scia di un conflitto devastante. Essa si ispira al principio secondo cui una pace universale e duratura è conseguibile solo se basata sulla giustizia sociale. Gli obiettivi principali perseguiti dall'ILO consistono nel promuovere i diritti dei lavoratori, incoraggiare opportunità d'impiego decente, accrescere la protezione sociale e rafforzare il dialogo su questioni attinenti al mondo del lavoro. La speciale struttura tripartita dell'ILO dà voce in egual misura a lavoratori, datori di lavoro e governi per accertare che i punti di vista dei partner sociali siano fedelmente rispecchiati negli standard occupazionali e nella delineazione di politiche e programmi.

Il programma Sviluppo dell'imprenditoria femminile dell'ILO (ILO’s Women’s Entrepreneurship Development, ILO-WED) fa parte della Unità per le imprese di piccole e medie dimensioni (small and medium enterprise, SME) ed è operativo da più di un decennio. Il programma ILO-WED si adopera per migliorare le opportunità economiche per le donne intraprendendo azioni positive a sostegno delle donne in procinto di avviare, ufficializzare o espandere le loro imprese e mediante l'integrazione delle tematiche relative all'eguaglianza di genere nell'operato dell'ILO nello sviluppo delle imprese. Sito web: www.ilo.org | Twitter - @ILOWED | Facebook – ILO WED (International Labour Organization)

Informazioni su United Nations Global Compact

Quale iniziativa speciale del Segretario generale dell'ONU, United Nations Global Compact è un appello rivolto ad aziende ovunque perché provvedano ad allineare le loro operazioni e strategie con dieci principi universali in materia di diritti umani, lavoro, ambiente e lotta alla corruzione. Lanciata nel 2000, lo scopo perseguito dall'iniziativa UN Global Compact consiste nel guidare e aiutare le aziende in tutto il mondo a concretizzare

gli obiettivi e i valori delle Nazioni Unite attraverso pratiche aziendali responsabili. Forte di più di 10.000 aziende e 3.000 membri non aziendali ubicati in oltre 160 Paesi diversi, nonché di oltre 60 reti locali, si tratta dell'iniziativa per la responsabilità aziendale più estesa al mondo.

Per ulteriori informazioni seguite @globalcompact sui social media e visitate il nostro sito web all'indirizzo unglobalcompact.org.

Informazioni sull'Ufficio per i partenariati delle Nazioni Unite (United Nations Office for Partnerships, UNOP)

L'Ufficio per i partenariati delle Nazioni Unite (United Nations Office for Partnerships, UNOP) si propone quale piattaforma fidata che permette ai partner di connettersi e creare opportunità e soluzioni per la concretizzazione degli Obiettivi di sviluppo sostenibile. L'Ufficio per i partenariati delle Nazioni Unite si adopera a livello globale, regionale e nazionale per trasformare il mondo attraverso collaborazioni per la concretizzazione degli Obiettivi di sviluppo sostenibile per il bene delle persone e del pianeta.

L'ufficio sovrintende al Fondo delle Nazioni Unite per i partenariati internazionali (United Nations Fund for International Partnerships), al Fondo delle Nazioni Unite per la democrazia (United Nations Democracy Fund), al Centro d'azione per gli Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG Action Hub) e all'entità Sostenitori degli Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG Advocates) dei Segretari generali. Per ulteriori informazioni visitate: https://www.un.org/partnerships/.

Informazioni su Mary Kay

Mary Kay Ash, annoverata tra quanti hanno infranto le barriere in favore delle pari opportunità, ha fondato la sua azienda di prodotti di bellezza più di 57 anni fa prefiggendosi tre obiettivi prioritari: offrire opportunità gratificanti alle donne, realizzare prodotti irresistibili e rendere il mondo un posto migliore. Quel sogno si è trasformato in una società da svariati miliardi di dollari, con una forza lavoro che conta milioni di collaboratori autonomi in quasi 40 Paesi. Mary Kay investe con passione nella scienza che si cela dietro la bellezza, realizzando prodotti per la cura della pelle, cosmetici pigmentati, integratori alimentari e profumi all’avanguardia. Mary Kay si impegna ad aiutare le donne e le loro famiglie, associandosi con organizzazioni di tutto il mondo per supportare la ricerca contro il cancro, proteggere le vittime di abusi domestici, abbellire le nostre comunità e incoraggiare i bambini a inseguire i propri sogni. La visione originaria di Mary Kay Ash continua a brillare, un rossetto alla volta. Per ulteriori informazioni visitate www.marykay.com.

1McKinsey Global Institute, COVID-19 e uguaglianza di genere: contrastare gli effetti regressivi (COVID-19 and gender equality: Countering the regressive effects) a cura di Anu Madgavkar, Olivia White, Mekala Krishnan, Deepa Mahajan e Xavier Azcue (luglio 2020)

2Compresi Canada, Colombia, Egitto, Guatemala, Georgia, Honduras, Irlanda, Messico, Marocco, Paraguay e Regno Unito. Le risposte al COVID-19 attente alle problematiche di genere di diversi Paesi sono rinvenibili nel Tracker globale delle risposte a COVID-19 attente alle problematiche di genere (COVID-19 Global Gender Response Tracker) di UN Women e UNDP all'indirizzo https://www.undp.org/content/undp/en/home/covid-19-gender-dashboard.html

3Strumento di patrocinio per il rafforzamento del sostegno alle donne imprenditrici nelle misure di risposta e ripresa da COVID-19 (Strengthening Support for Women Entrepreneurs in COVID-19 Response and Recovery Advocacy Tool)p. 2 Disponibile all'indirizzo: https://www.empowerwomen.org/en/resources/documents/2020/09/strengthening-support-for-women-entrepreneurs-in-covid-19-response-and-recovery?lang=en

Il testo originale del presente annuncio, redatto nella lingua di partenza, è la versione ufficiale che fa fede. Le traduzioni sono offerte unicamente per comodità del lettore e devono rinviare al testo in lingua originale, che è l'unico giuridicamente valido.

Vedi la versione originale su businesswire.com: https://www.businesswire.com/news/home/20200925005228/it/

Contacts

Mary Kay Inc.
Michael Wassmer
media@mkcorp.com
+1-972-687-5332

UN Women
Oisika Chakrabarti
oisika.chakrabarti@unwomen.org
+1-646-781-4522

International Trade Centre
Vittorio Cammarota
vcammarota@intracen.org
+41 (0)22 730-0322