Italia markets closed
  • Dow Jones

    27.431,85
    -903,72 (-3,19%)
     
  • Nasdaq

    11.261,92
    -286,37 (-2,48%)
     
  • Nikkei 225

    23.494,34
    -22,25 (-0,09%)
     
  • EUR/USD

    1,1823
    -0,0045 (-0,38%)
     
  • BTC-EUR

    10.908,89
    -190,19 (-1,71%)
     
  • CMC Crypto 200

    257,05
    -6,36 (-2,42%)
     
  • HANG SENG

    24.918,78
    +132,68 (+0,54%)
     
  • S&P 500

    3.373,12
    -92,27 (-2,66%)
     

Digital tax, Ocse: nogoziati a rilento con divergenze politiche

Voz
·1 minuto per la lettura

Roma, 12 ott. (askanews) - Le trattative sull'ipotesi di un accordo globale di tassazione dei giganti digitali sono andate "a rilento" a causa di "divergenze politiche" ma anche per l'emergenza Covid. In un rapporto di aggiornamento delle attività su questo fronte, l'Ocse tuttavia parla anche i "vedute convergenti" sui punti chiave di questo percorso. "Sono state identificati gli aspetti tecnici e politici su cui permangono divergenze da chiudere - si legge - e i prossimo passi sul processo negoziale multilaterale". E presentando lo studio Angel Gurria, segretario generale dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico ha ribadito che in assenza di una intesa si rischiano tassazioni nazionali differenziate seguite da misure di rappresaglia di altri Paesi e "in definitiva alla fine si scatenerebbe una guerra commerciale. Che è sempre una cosa negativa", ha detto.