Italia markets close in 8 hours 17 minutes
  • FTSE MIB

    26.081,13
    +363,67 (+1,41%)
     
  • Dow Jones

    34.764,82
    +506,50 (+1,48%)
     
  • Nasdaq

    15.052,24
    +155,40 (+1,04%)
     
  • Nikkei 225

    30.248,81
    +609,41 (+2,06%)
     
  • Petrolio

    73,30
    0,00 (0,00%)
     
  • BTC-EUR

    37.942,32
    +79,63 (+0,21%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.111,30
    +2,38 (+0,21%)
     
  • Oro

    1.754,10
    +4,30 (+0,25%)
     
  • EUR/USD

    1,1737
    -0,0010 (-0,08%)
     
  • S&P 500

    4.448,98
    +53,34 (+1,21%)
     
  • HANG SENG

    24.315,28
    -195,70 (-0,80%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.194,92
    +44,73 (+1,08%)
     
  • EUR/GBP

    0,8560
    +0,0006 (+0,07%)
     
  • EUR/CHF

    1,0848
    -0,0002 (-0,02%)
     
  • EUR/CAD

    1,4886
    +0,0031 (+0,21%)
     

Digital Times di Credit Suisse dal Salone del Risparmio: prosegue la correzione sui mercati

·2 minuto per la lettura
Digital Times di Credit Suisse dal Salone del Risparmio: prosegue la correzione sui mercati
Digital Times di Credit Suisse dal Salone del Risparmio: prosegue la correzione sui mercati

Ai Digital Times di Credit Suisse con Marco Mossetti si commenta la chiusura dei mercati con l’ospite Nando Pagnoncelli che offre una view sulla situazione in Italia

I mercati oggi proseguono nella fase di correzione a seguito di dati deludenti sul fronte crescita in Cina (vendite al dettaglio e produzione industriale) e quelli sull’inflazione pubblicati nella giornata di ieri.

LIEVE RALLENTAMENTO

La reazione sui tassi, in lieve calo, e sull’azionario, con una rotazione da titoli ciclici a quelli a crescita/difensivi, sembra coerente con un contesto di rallentamento. Sembra che si stia esaurendo la poderosa spinta al ciclo globale derivante dalla riapertura dell’economia e da generosi stimoli fiscali quindi sembra essere fisiologico tornare a ragionare su livelli di crescita economica più coerenti con i trend di medio periodo e più sostenibili.

TASSI ANCORA A LIVELLI BASSI

I tassi restano ancora a livelli storicamente molto bassi, quindi l’azionario rimane ancora nel medio periodo l’asset class più interessante. Nando Pagnoncelli ha invece dato la sua view su come si sentono oggi gli italiani: “Gli italiani sono in una fase di attesa con un po di ansia”. Ansia determinata dalla possibile necessità di intaccare i risparmi di una vita e di non avere le risorse necessarie per aiutare i figli o per avere le cure mediche e/o l’assistenza necessaria.

POSITIVI PER IL FUTURO

Oggi però la percezione delle prospettive del Paese sono nel complesso positive anche se c’è la consapevolezza di essere di fronte a un bivio in cui si potrebbero acuire le tensioni sociali perché siamo di fronte a un allargamento della forbice tra classi sociali. È nella responsabilità di tutti creare un grande patto perché vi sia coesione piuttosto che inasprire gli animi trovandoci di fronte a un perenne tiro alla fune tra opposti.

ALTRE NEWS DI FINANCIALOUNGE.COM:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli