Italia markets closed
  • Dow Jones

    29.490,89
    +765,38 (+2,66%)
     
  • Nasdaq

    10.815,43
    +239,82 (+2,27%)
     
  • Nikkei 225

    26.215,79
    +278,58 (+1,07%)
     
  • EUR/USD

    0,9827
    +0,0026 (+0,27%)
     
  • BTC-EUR

    19.903,95
    +152,07 (+0,77%)
     
  • CMC Crypto 200

    444,18
    +8,83 (+2,03%)
     
  • HANG SENG

    17.079,51
    -143,32 (-0,83%)
     
  • S&P 500

    3.678,43
    +92,81 (+2,59%)
     

Digitale, De Molli: "Sfida più grande è legata alle competenze"

(Adnkronos) - “Per cogliere appieno le opportunità offerte dalla trasformazione tecnologica della manifattura e dell’agricoltura intelligente, è necessario rispondere ad alcune sfide, che non riguardano solo la singola azienda ma che, sempre più, richiedono approcci ecosistemici e integrati per trasformare le sfide in opportunità". Ad affermarlo è Valerio De Molli, Managing Partner & Ceo di The European House – Ambrosetti commentando lo studio 'Verso un New Deal delle Competenze in ambito agricolo e industriale', elaborato da The European House – Ambrosetti in collaborazione con Philip Morris Italia che è stato presentato oggi a Cernobbio.

"La sfida più grande - sottolinea De Molli - è legata alle competenze: per le oltre 200 aziende coinvolte in questo lavoro di ricerca la carenza di competenze è il principale fattore ostativo allo sviluppo di progetti di Intelligent Manufacturing e Smart Agriculture. Emerge infatti un basso livello di soddisfazione per le competenze sviluppate dal sistema di istruzione italiano, sia nel comparto manifatturiero che in quello agricolo: solo per il 26% delle aziende manifatturiere e per il 48% delle aziende agricole è soddisfacente il livello di competenze dei diplomati, mentre la soddisfazione per le competenze dei laureati è per il 40% nelle aziende manifatturiere e nel 54% nelle aziende agricole".