Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.744,38
    +215,69 (+0,88%)
     
  • Dow Jones

    34.200,67
    +164,68 (+0,48%)
     
  • Nasdaq

    14.052,34
    +13,58 (+0,10%)
     
  • Nikkei 225

    29.683,37
    +40,68 (+0,14%)
     
  • Petrolio

    63,07
    -0,39 (-0,61%)
     
  • BTC-EUR

    51.864,35
    -267,18 (-0,51%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.398,97
    +7,26 (+0,52%)
     
  • Oro

    1.777,30
    +10,50 (+0,59%)
     
  • EUR/USD

    1,1980
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • S&P 500

    4.185,47
    +15,05 (+0,36%)
     
  • HANG SENG

    28.969,71
    +176,57 (+0,61%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.032,99
    +39,56 (+0,99%)
     
  • EUR/GBP

    0,8663
    -0,0020 (-0,23%)
     
  • EUR/CHF

    1,1018
    -0,0015 (-0,14%)
     
  • EUR/CAD

    1,4981
    -0,0028 (-0,19%)
     

Dimissioni Zingaretti, Base riformista non affonda il colpo. Incontro Guerini-Franceschini

Federica Fantozzi
·Giornalista
·1 minuto per la lettura
- (Photo: Ansa)
- (Photo: Ansa)

Tra i primi ad essere spiazzato dallo strappo di Nicola Zingaretti c’è il ministro della Cultura Dario Franceschini, capo della delegazione Dem al governo, che in questi giorni si è inabissato silenziosamente tentando al contempo di evitare quello che poi è accaduto. Anche attraverso un incontro riservato, ieri mattina al ministero della Difesa, per convincere Lorenzo Guerini, il più agguerrito avversario interno del segretario, ad abbassare i toni e ricomporre la tela dell’unità di partito. Il durissimo – e irrituale - post su Facebook del segretario ha però interrotto il percorso. E adesso, la partita si fa più complicata.

In queste ore difficilissime per il Pd, mentre si moltiplicano le richieste a Zingaretti di ritirare le dimissioni, la parola chiave è un avverbio: unitariamente. Tutti insieme. Lo dicono gli uomini chiave del partito, a partire dal vice-segretario e ministro Andrea Orlando: “È comprensibile l’amarezza di Zingaretti. Credo che la sua scelta implichi e richieda uno scatto e una risposta unitaria, e unitariamente bisogna chiedergli di ripensare la sua decisione”. Lo auspica Luigi Zanda: “L’assemblea respinga le dimissioni all’unanimità”. Lo ribadisce Franceschini, evocando la “responsabilità” di fronte alla pandemia: “Accantonare ogni conflittualità interna, ricomponendo una unità vera del partito attorno alla sua guida”.

La traduzione è facile: per sanare la ferita sanguinante – ammesso e non concesso che ci si riesca - bisogna passare per Base Riformista, il “correntone” con cinquanta parlamentari che fa capo a Guerini e Luca Lotti e che ha sferrato l’offensiva al segretario minacciando di uscire dalla segreteria e dalla gestione collegiale del Nazareno in assenza di un’anticipazione del congresso rispetto al 2023. Come si comporter&agra...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.