Italia markets close in 2 hours 12 minutes
  • FTSE MIB

    24.476,40
    -123,95 (-0,50%)
     
  • Dow Jones

    33.677,27
    -68,13 (-0,20%)
     
  • Nasdaq

    13.996,10
    +146,10 (+1,05%)
     
  • Nikkei 225

    29.620,99
    -130,61 (-0,44%)
     
  • Petrolio

    61,51
    +1,33 (+2,21%)
     
  • BTC-EUR

    53.848,75
    +640,22 (+1,20%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.386,52
    +92,53 (+7,15%)
     
  • Oro

    1.744,70
    -2,90 (-0,17%)
     
  • EUR/USD

    1,1963
    +0,0009 (+0,07%)
     
  • S&P 500

    4.141,59
    +13,60 (+0,33%)
     
  • HANG SENG

    28.900,83
    +403,58 (+1,42%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.971,32
    +4,33 (+0,11%)
     
  • EUR/GBP

    0,8694
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • EUR/CHF

    1,1039
    +0,0042 (+0,38%)
     
  • EUR/CAD

    1,5034
    +0,0060 (+0,40%)
     

Dipartimento Commercio Usa aggiunge sette società cinesi alla sua blacklist

Laura Naka Antonelli
·1 minuto per la lettura

Il dipartimento del Commercio degli Stati Uniti ha aggiunto sette società cinesi alla sua blacklist, citando motivazioni legate alla sicurezza. Le società sono Tianjin Phytium Information Technology, Shanghai High-Performance Integrated Circuit Design Center, Sunway Microelectronics, the National Supercomputing Center Jinan, the National Supercomputing Center Shenzhen, the National Supercomputing Center Wuxi e the National Supercomputing Center Zhengzhou. Nella nota del dipartimento si legge che le società sono state inserite nella lista in quanto "produttrici di supercomputer utilizzati da entità militari della Cina, che hanno aiutato il governo di Pechino a modernizzare il suo esercito lavorando anche su programmi per il lancio di armi di distruzione di massa". "Il dipartimento del Commercio utilizzerà a pieno la sua autorità per impedire che la Cina faccia leva sulla tecnologia americana per sostenere questi sforzi destabilizzanti di modernizzazione militare". L'inserimento dei nomi nella blacklist - vero nome Entity List - implica restrizioni a tutte le società americane che vogliano fare affari con queste aziende cinesi.