Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.381,35
    -256,37 (-1,13%)
     
  • Dow Jones

    30.814,26
    -177,26 (-0,57%)
     
  • Nasdaq

    12.998,50
    -114,14 (-0,87%)
     
  • Nikkei 225

    28.519,18
    -179,08 (-0,62%)
     
  • Petrolio

    52,04
    -1,53 (-2,86%)
     
  • BTC-EUR

    30.184,34
    +86,56 (+0,29%)
     
  • CMC Crypto 200

    701,93
    -33,21 (-4,52%)
     
  • Oro

    1.827,70
    -23,70 (-1,28%)
     
  • EUR/USD

    1,2085
    -0,0071 (-0,58%)
     
  • S&P 500

    3.768,25
    -27,29 (-0,72%)
     
  • HANG SENG

    28.573,86
    +77,00 (+0,27%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.599,55
    -41,82 (-1,15%)
     
  • EUR/GBP

    0,8887
    +0,0010 (+0,11%)
     
  • EUR/CHF

    1,0759
    -0,0034 (-0,32%)
     
  • EUR/CAD

    1,5369
    +0,0008 (+0,05%)
     

Diritti tv, Amazon pigliatutto: dopo la Champions vuole anche la Serie A

Antonio Cardarelli
·3 minuto per la lettura
Diritti tv, Amazon pigliatutto: dopo la Champions vuole anche la Serie A
Diritti tv, Amazon pigliatutto: dopo la Champions vuole anche la Serie A

Il colosso dell’e-commerce pronto a partecipare all’asta per i diritti televisivi della Serie A per il triennio 2021-2024

Non solo la Champions League, ma anche la Serie A: Amazon potrebbe diventare la piattaforma di riferimento per gli appassionati di calcio italiani. Secondo quanto riportato dall’agenzia Bloomberg, il colosso dell’e-commerce sarebbe pronto a presentare un’offerta per aggiudicarsi uno dei pacchetti per la trasmissione delle partite del campionato italiano messi all’asta dalla Lega Serie A.

BASE D’ASTA 1,15 MILIARDI DI EURO

La scadenza per la presentazione delle offerte è fissata per il 26 gennaio. Sul piatto ci sono diverse tipologie di pacchetti per i diritti relativi al triennio 2021-2024 e la Serie A si aspetta un introito complessivo di almeno 1,15 miliardi, contro i 973 milioni incassati per il triennio 2018-2020 (1,4 miliardi compresa Coppa Italia e Supercoppa). A conferma delle indiscrezioni delle scorse settimane, sembra che Amazon sarà presente con un’offerta per trasmettere le partite sulla sua piattaforma streaming Amazon Prime Video, inclusa nell’abbonamento Amazon Prime.

AMAZON SCENDE IN CAMPO

Non è ancora chiaro se la società di Jeff Bezos punterà al pacchetto principale (per capirsi, quello attualmente trasmesso da Sky) oppure se si “accontenterà” delle partite da trasmettere online. Di sicuro, oltre a Sky, Amazon dovrà vedersela anche con la piattaforma del miliardario ucraino Lev Blavatnic Dazn e, forse, anche con Mediaset e Tim.

I TRE PACCHETTI PRINCIPALI

Sono tre i pacchetti che la Serie A conta di assegnare: satellite in esclusiva, digitale terrestre in esclusiva e Internet/iptv/mobile in esclusiva. La Lega, inoltre, ha fissato anche i prezzi minimi per l’aggiudicazione: 500 milioni per il satellite, 400 milioni per il digitale terrestre e 250 milioni per il web, oltre a un pacchetto opzionale che comprende interviste in campo e altre immagini, acquistabile a 20 milioni da un solo operatore.

I PACCHETTI MISTI MULTIPIATTAFORMA

In alternativa, la Serie A è pronta a valutare anche offerte per pacchetti misti prodotto/piattaforma, più o meno come succede oggi con la suddivisione Sky/Dazn. Il pacchetto principale (base d’asta 750 milioni) comprende 7 partite su 10 per ogni turno da trasmettere con qualsiasi modalità, gli altri comprendono 3 partite da trasmette in multipiattaforma o su internet (base d’asta 250 e 150 milioni). Infine, sul piatto c’è l’ipotesi del canale tematico della Serie A, da sviluppare sostanzialmente in caso di esito negativo delle altre due aste.

ALTRO COLPO DOPO LA CHAMPIONS?

Da mesi Amazon si è resa protagonista di una politica aggressiva sul mercato della tv on demand e in streaming in Europa. Una strategia basata sia sui prezzi competitivi (un abbonamento ad Amazon Prime che include anche Prime Video in Italia costa 36 euro per un anno) che su un’offerta di qualità. Il calcio potrebbe essere il grimaldello per entrare definitivamente sul mercato italiano, come dimostra l’acquisizione dei diritti per la trasmissione delle migliori 16 partite del mercoledì della prossima Champions League.

LA PREMIER LEAGUE E LA FORMULA 1

Forte dell’esperienza in Inghilterra, dove Amazon si è aggiudicata la trasmissione di 60 partite della Premier League (attualmente il migliore e più ricco campionato al mondo) per il triennio 2019-2022, ora la società di Bezos punta dritta alla Serie A. Inoltre, secondo i rumors delle ultime settimane, Amazon sarebbe in trattativa con Liberty Media per aggiudicarsi i diritti di trasmissione della Formula 1.