Italia markets open in 2 hours 58 minutes
  • Dow Jones

    33.745,40
    -55,20 (-0,16%)
     
  • Nasdaq

    13.850,00
    -50,20 (-0,36%)
     
  • Nikkei 225

    29.864,39
    +325,66 (+1,10%)
     
  • EUR/USD

    1,1895
    -0,0023 (-0,19%)
     
  • BTC-EUR

    50.893,73
    +303,98 (+0,60%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.294,78
    +0,20 (+0,02%)
     
  • HANG SENG

    28.758,04
    +304,76 (+1,07%)
     
  • S&P 500

    4.127,99
    -0,81 (-0,02%)
     

Disabili, docenti e ordine per fasce d’età. Le priorità del piano vaccini di Draghi

Luciana Matarese
·Giornalista
·1 minuto per la lettura
Covid Italia (Photo: Getty)
Covid Italia (Photo: Getty)

Un piano vaccini “di unità nazionale”, per citare la ministra degli Affari regionali, Maria Stella Gelmini. E quindi basta alle differenti andature nella vaccinazione tra le varie regioni, via al fondo di scorta delle dosi per aiutare i territori in difficoltà, si punta su tutti i siti utili per aumentare i centri di somministrazione.

Fasce d’età ma in parallelo spinta ai vaccini per disabili e docenti

Dopo aver vaccinato il personale sanitario, le Rsa, gli over 80, arrivati nella fase della vaccinazione di massa si procederà per fasce d’età, dai più anziani ai più giovani. Però contestualmente bisogna completare il lavoro con le categorie più deboli e quelle strategiche, come forze dell’ordine e docenti: quindi piede sull’acceleratore per i vaccini ai disabili e ai loro familiari nonché agli insegnanti.

L’obiettivo è rendere quanto più possibile uniforme la campagna vaccinale nelle regioni, superando ritardi e disparità che si sono registrati finora e il governo intende centrarlo al più presto. Si è capito chiaramente nella giornata di oggi iniziata con l’incontro, il primo, del neo commissario straordinario all’emergenza, il generale Francesco Paolo Figliuolo, con i presidenti delle regioni (presenti il capo della Protezione civile, Fabrizio Curcio, i rappresentanti degli Enti locali, la ministra Gelmini e il Ministro della Salute, Roberto Speranza) e proseguito con la riunione, nel pomeriggio a Palazzo Chigi, nella quale Figliuolo e Curcio hanno informato il premier Mario Draghi sugli intendimenti emersi dal confronto della mattinata.

Fondo “di solidarietà”: la scorta di fiale per chi è in difficoltà

Con le Regioni il confronto è durato oltre tre ore. Il ministro Speranza ha proposto l’istituzione di un fondo “di solidarietà” per la campagna ...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.