Italia markets open in 6 hours 18 minutes
  • Dow Jones

    30.937,04
    -22,96 (-0,07%)
     
  • Nasdaq

    13.626,06
    -9,93 (-0,07%)
     
  • Nikkei 225

    28.684,09
    +137,91 (+0,48%)
     
  • EUR/USD

    1,2168
    0,0000 (-0,00%)
     
  • BTC-EUR

    26.534,78
    -382,45 (-1,42%)
     
  • CMC Crypto 200

    650,60
    +3,27 (+0,51%)
     
  • HANG SENG

    29.556,58
    +165,32 (+0,56%)
     
  • S&P 500

    3.849,62
    -5,74 (-0,15%)
     

Divergenza tra finanza ed economia reale

Alessio Zavarise
·1 minuto per la lettura

Dopo una veloce discesa a ridosso dei 21.000 punti, il nostro FtseMib riesce a riportarsi sopra 22.000, andando ora a disegnare un doppio max a quota 22.400, rimanendo di fatto all’interno del range neutrale 21.000/22.500.

L’ingente liquidità nel sistema, complici sicuramente gli interventi di sostegno delle banche centrali sui bond nazionali, ha portato il divario tra finanza ad economia reale a dei livelli mai visti in precedenza; possiamo pure apertamente affermare che siamo in presenza di una bolla, che presto o tardi tenderà a scoppiare, aldilà di una possibile (purtroppo) nuova ondata di contagi dopo la metà di gennaio.

Difficile infatti immaginare che l’uscita dall’emergenza sanitaria a fine 2021 non lascerà segno sull’economia reale, anche perché ristori e blocco licenziamenti non dureranno all’infinito e i nodi verranno al pettine.

Tecnicamente è quindi possibile una nuova discesa a breve verso il supporto a 21.000 punti, che fungerà da spartiacque per il trend di medio periodo; ripresa con obiettivi a 22.500 e 23.600 o accelerazione ribassista verso il successivo supporto in area 20.000/19.800, e con possibile estensione fino ai 19.000 punti, in caso di deciso ribasso del mercato americano.

Operativamente si consiglia di incrementare le posizioni ribassiste sotto 22.250 di FtseMib, sempre in ottica di copertura portafoglio, ma anche volendo per il trading; chiuderle ancora una volta parzialmente in area 21.500 e poi a 21.000. 

In caso di superamento della resistenza a 22.500 di FtseMib, si potranno impostare solo operazioni rialziste veloci, considerate comunque ad alto rischio. 

Autore: Alessio Zavarise Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online