Italia markets closed
  • Dow Jones

    30.987,15
    +27,15 (+0,09%)
     
  • Nasdaq

    13.653,36
    +17,37 (+0,13%)
     
  • Nikkei 225

    28.546,18
    -276,11 (-0,96%)
     
  • EUR/USD

    1,2170
    +0,0025 (+0,21%)
     
  • BTC-EUR

    26.474,56
    +87,57 (+0,33%)
     
  • CMC Crypto 200

    650,17
    +2,85 (+0,44%)
     
  • HANG SENG

    29.391,26
    -767,75 (-2,55%)
     
  • S&P 500

    3.856,82
    +1,46 (+0,04%)
     

Dl rilancio, Commercialisti: emendamento penalizza rispetto regole -2-

Voz
·1 minuto per la lettura

Roma, 2 lug. (askanews) - "La riforma - spiega il numero uno dei commercialisti - entrer in vigore nel 2021, mentre saranno quasi ventimila le imprese i cui organismi di controllo potranno entrare in carica nel 2022, proprio in virt di questo emendamento". "Uno sfasamento temporale che creer confusione e priver una fetta importante delle imprese italiane e per un lasso di tempo significativo degli organismi di controllo deputati a monitorare le imprese al fine di evitare con il pre-early warning la segnalazione di situazioni di allerta. Gli organi di controllo - ricorda Miani - devono infatti segnalare immediatamente allo stesso organo amministrativo l'esistenza di fondati indizi della crisi". "Per questi motivi - conclude Miani - ci auguriamo vivamente che il Parlamento rifletta seriamente su questa scelta, che elimina un organo di presidio per gli stakeholders e che interloquisce direttamente con il cda. Una scelta tanto pi rischiosa in una passaggio cos difficile dal punto di vista economico per il nostro Paese, in cui sono davvero tante le aziende in grosse difficolt, per le quali la delicatezza della situazione imporrebbe controlli efficaci e tempestivi".