Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.766,09
    +280,08 (+1,14%)
     
  • Dow Jones

    34.382,13
    +360,68 (+1,06%)
     
  • Nasdaq

    13.429,98
    +304,99 (+2,32%)
     
  • Nikkei 225

    28.084,47
    +636,46 (+2,32%)
     
  • Petrolio

    65,51
    +1,69 (+2,65%)
     
  • BTC-EUR

    38.978,12
    -1.955,15 (-4,78%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.398,33
    +39,77 (+2,93%)
     
  • Oro

    1.844,00
    +20,00 (+1,10%)
     
  • EUR/USD

    1,2146
    +0,0062 (+0,51%)
     
  • S&P 500

    4.173,85
    +61,35 (+1,49%)
     
  • HANG SENG

    28.027,57
    +308,90 (+1,11%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.017,44
    +64,99 (+1,64%)
     
  • EUR/GBP

    0,8610
    +0,0014 (+0,16%)
     
  • EUR/CHF

    1,0943
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • EUR/CAD

    1,4697
    +0,0005 (+0,04%)
     

"Dobbiamo spendere 100 milioni al giorno, Draghi riveda subito il Codice Appalti"

Giuseppe Colombo
·Business editor L'Huffington Post
·2 minuto per la lettura
ROME, ITALY - JANUARY 18: Raffaella Paita, deputy of the Italia Viva party, makes a statement to the press in front of Montecitorio , as Prime Minister Giuseppe Conte delivers his speech asking for trust in the Government , on January 18, 2021 in Rome, Italy. Following the resignation of two ministers in Conte's coalition government over a dispute on spending of EU funds during the pandemic, the Italian government is on the verge of another crisis. (Photo by Simona Granati - Corbis/Getty Images) (Photo: Simona Granati - Corbis via Getty Images)
ROME, ITALY - JANUARY 18: Raffaella Paita, deputy of the Italia Viva party, makes a statement to the press in front of Montecitorio , as Prime Minister Giuseppe Conte delivers his speech asking for trust in the Government , on January 18, 2021 in Rome, Italy. Following the resignation of two ministers in Conte's coalition government over a dispute on spending of EU funds during the pandemic, the Italian government is on the verge of another crisis. (Photo by Simona Granati - Corbis/Getty Images) (Photo: Simona Granati - Corbis via Getty Images)

Raffaella Paita, il Recovery di Mario Draghi c’è. Italia Viva battagliò e non poco con Conte sul vecchio piano. Si arrivò alla crisi di governo. Lei, da presidente della Commissione Trasporti della Camera, come giudica il piano del nuovo Governo?

Il nuovo Recovery è ben calibrato. C’è una impostazione corretta sull’innovazione tecnologica, sul 5G e sulla banda larga, ma c’è anche un’attenzione importante al tema della transizione ecologica. Anche sulla parte infrastrutture la direzione è giusta: ci sono investimenti per i porti, da Nord a Sud, e progetti importanti come l’elettrificazione delle banchine. Ma è importante anche l’attenzione all’Alta velocità ferroviaria, con il progetto della Salerno-Reggio Calabria, e alle ferrovie regionali.

La cabina di regia politica del Recovery è in capo a palazzo Chigi e ai ministri più coinvolti nel piano. Un punto dolente con Conte fu proprio la governance. Questo assetto va bene a Italia Viva o temete un accentramento nelle mani del premier?

Mi fido di Draghi. Rappresenta una leadership forte, non una sommatoria delle istanze dei partiti che compongono la maggioranza. Trovo logica la scelta che sia lui a guidare la gestione del Recovery, insieme ai ministri che hanno le competenze maggiori sulle materie del Piano. Il dato nuovo rispetto a Conte è che si è finalmente recuperato un ruolo della politica.

In che senso?

Non dimentico che la prima impostazione del governo Conte era quella di affidare la regia a qualcosa di esterno alla politica e al Parlamento. Siamo dentro un metodo di lavoro che terrà conto dell’autorevolezza di Draghi. Si è chiusa un’impostazione che rischiava di portare il Recovery anche fuori dal dialogo con il Parlamento.

I soldi ci sono e ci sono anche i progetti. Ma il successo del Recovery si gioca sulle regole, cioè sulle riforme della...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.