Italia Markets closed

Documenti in ordine, per quanto tempo vanno conservate le bollette

Non si tratta solo di ordine ma è anche un modo per evitare di pagare una multa due volte. Tenere in ordine tutti i documenti, dalla dichiarazione dei redditi, fino alla multa per divieto di sosta è fondamentale. Nel caso arrivasse la richiesta di pagamento per una contravvenzione già saldata, riuscire ad avere a portata di mano la ricevuta di pagamento diventa basilare. Bollettini di pagamento, multe, ricevute dalla banca, sono tutti documenti che vanno archiviati seguendo un determinato ordine. Tenere tutto archiviato, in cartelline dedicate, può anche diventare un rischio. Il passo per trasformasi in accumulatori seriali è breve, quindi vediamo quanto tempo vanno conservati i diversi tipi di documenti.

Iniziamo dalla dichiarazione dei redditi: 5 anni. Il fisco ha tempo fino al 31 dicembre del quinto anno successivo a quello della presentazione della dichiarazione per effettuare controlli e contestare quanto dichiarato. Stesso arco di tempo anche per l’archiviazione delle multe. Per le violazioni al codice della strada che non sono state accertate dai Comuni, ma dalla polizia stradale, ad esempio, il termine di prescrizione è di 5 anni. Per le multe iscritte a ruolo dal Comune, il termine è di 2 anni. La richiesta di detrazioni per le ristrutturazioni edilizie e per interventi di risparmio energetico deve essere documentata. La rateazione delle agevolazioni arriva a dieci anni, tutta la documentazione va conservata per 15 anni.

(Getty)

L’Imu e la tassa dei rifiuti hanno la prescrizione fissata a 5 anni: dopo questo lasso di tempo il Comune non può più chiedere nulla riguardo queste imposte. Le bollette relative alle utenze di acqua, luce, gas e telefono vanno conservate per 5 anni dalla data di scadenza. Stesso discorso temporale anche per documenti di pagamento delle spese condominiali. E lo scontrino per il nuovo smartphone? Solitamente 26 mesi, in modo da poter far valere i diritti previsti dalla garanzia, in caso di guasto o malfunzionamento.