Italia markets close in 2 hours 19 minutes
  • FTSE MIB

    25.457,56
    -58,90 (-0,23%)
     
  • Dow Jones

    35.084,53
    +153,60 (+0,44%)
     
  • Nasdaq

    14.778,26
    +15,68 (+0,11%)
     
  • Nikkei 225

    27.283,59
    -498,83 (-1,80%)
     
  • Petrolio

    73,56
    -0,06 (-0,08%)
     
  • BTC-EUR

    32.640,58
    -1.110,67 (-3,29%)
     
  • CMC Crypto 200

    919,67
    -10,69 (-1,15%)
     
  • Oro

    1.827,20
    -8,60 (-0,47%)
     
  • EUR/USD

    1,1885
    -0,0011 (-0,10%)
     
  • S&P 500

    4.419,15
    +18,51 (+0,42%)
     
  • HANG SENG

    25.961,03
    -354,29 (-1,35%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.100,63
    -16,14 (-0,39%)
     
  • EUR/GBP

    0,8518
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • EUR/CHF

    1,0763
    -0,0003 (-0,03%)
     
  • EUR/CAD

    1,4777
    -0,0013 (-0,09%)
     

Documento imprese agroalimentari in vista Food System Summit

·3 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 24 giu. (askanews) - "Bisogna lavorare tutti insieme per cambiare il modo in cui il mondo produce, consuma e pensa al cibo, migliorando i sistemi alimentari in un'ottica sempre più sostenibile ed equa". Così il presidente nazionale di Cia-Agricoltori Italiani, Dino Scanavino, partecipando a "Buono! storie italiane di agricoltura, territori e cibo sostenibili", l'evento di Maker Faire Rome verso il Food Systems Summit 2021 delle Nazioni Unite, che vuole fare il punto sui protagonisti e sulle buone pratiche dell'agrifood che fanno bene all'ambiente e all'economia.

"Come Cia, abbiamo partecipato attivamente alla redazione del documento 'Uniti nel cibo' -ha ricordato Scanavino-. Un decalogo delle esperienze e degli impegni delle imprese agroalimentari italiane per la sostenibilità ambientale, sociale ed economica, che vuole rappresentare il contributo responsabile del settore al prossimo Vertice Mondiale sui Sistemi Alimentari". Il documento, presentato a Buono!, è frutto del gruppo di lavoro delle associazioni agricole, alimentari e della distribuzione guidato dal professor Angelo Riccaboni su iniziativa del Ministero degli Esteri.

Dentro "Uniti nel cibo", c'è l'impegno "a continuare nell'implementazione di processi produttivi attenti alla salvaguardia dell'ambiente, del suolo e della qualità dell'aria, alla protezione della biodiversità, al benessere animale, all'uso responsabile e sostenibile delle risorse idriche e alla riduzione degli sprechi e degli scarti", così come quello di "contribuire all'educazione alimentare della popolazione e a una maggiore diffusione di regimi alimentari e stili di vita sani, basati sui principi della Dieta Mediterranea, garantendo l'accesso a prodotti salubri e nutrienti, frutto di attività produttive sostenibili e tracciate" e optando per "sistemi di etichettatura che puntino a fornire al consumatore informazioni chiare e corrette" piuttosto che "basati su soluzioni semplicistiche e fuorvianti".

Poi ancora, le imprese agroalimentari italiane si impegnano a "valorizzare la 'buona cittadinanza d'impresa', promuovendo relazioni positive con le comunità e i territori" così come "ad adottare, all'interno della filiera, ogni strumento utile per garantire il rispetto della sostenibilità sociale e ambientale, la tutela dei diritti dei lavoratori e un equo ritorno economico per i diversi operatori". E poi ancora ad "integrare i principi della sostenibilità nelle strategie e nelle politiche aziendali, in una prospettiva che concili la redditività di medio-lungo termine con l'attenzione all'ambiente" anche grazie all'utilizzo "dell'innovazione tecnologica, organizzativa e sociale", alla "valorizzazione delle buone pratiche" e a "più strette collaborazioni tra le imprese, le università, gli enti di ricerca".

Infine, nel documento ci sono gli impegni ad "adottare meccanismi di valutazione intermedi inerenti al grado di perseguimento degli obiettivi dell'Agenda 2030"; a "promuovere percorsi di formazione, aggiornamento e apprendimento" riguardo ai temi della sostenibilità e alle necessarie competenze tecnologiche e digitali e, soprattutto, "a rafforzare le reti e alleanze tra produttori, trasformatori, distribuzione commerciale e consumatori, con l'obiettivo di massimizzare la resilienza del settore agroalimentare, in termini di sicurezza alimentare e garanzia degli approvvigionamenti, anche in una prospettiva internazionale e con particolare riguardo agli operatori più vulnerabili ed esposti ai rischi e alla volatilità dei mercati".

Insomma, "uno sforzo collettivo", di cui Cia fa parte, per pratiche aziendali e di filiera sempre più virtuose, "che consentano di conciliare il perseguimento degli Obiettivi di sostenibilità sociale ed ambientale con le condizioni di equilibrio economico".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli