Italia markets closed
  • FTSE MIB

    21.354,65
    +60,79 (+0,29%)
     
  • Dow Jones

    31.097,26
    +321,83 (+1,05%)
     
  • Nasdaq

    11.127,84
    +99,11 (+0,90%)
     
  • Nikkei 225

    25.935,62
    -457,42 (-1,73%)
     
  • Petrolio

    108,46
    +2,70 (+2,55%)
     
  • BTC-EUR

    18.258,98
    -307,18 (-1,65%)
     
  • CMC Crypto 200

    420,84
    +0,70 (+0,17%)
     
  • Oro

    1.812,90
    +5,60 (+0,31%)
     
  • EUR/USD

    1,0426
    -0,0057 (-0,54%)
     
  • S&P 500

    3.825,33
    +39,95 (+1,06%)
     
  • HANG SENG

    21.859,79
    -137,10 (-0,62%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.448,31
    -6,55 (-0,19%)
     
  • EUR/GBP

    0,8623
    +0,0016 (+0,19%)
     
  • EUR/CHF

    1,0002
    -0,0005 (-0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,3434
    -0,0056 (-0,42%)
     

Dodici paesi entrano nell’IPEF, raggruppamento asiatico a guida Usa

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 23 mag. (askanews) - Il presidente Usa Joe Biden ha annunciato oggi che 12 paesi della regione Indo-Pacifico si sono unite nella Cornice economica Indo-Pacifica (IPEF), un documento che ha lo scopo di consolidare catene di approvvigionamento, commercio digitale e di coordinare sforzi di decarbonizzazione e anti-corruzione. Si tratta di uno schema visto dalla Cina come un tentativo di marginalizzarla nella regione.

Al documento hanno acderito Australia, Brunei, India, Indonesia, Giappone, Corea del Sud, Malaysia. Muova Zelanda, Filippine, Singapore, Tailandia e Vietnam, oltre naturalmente agli stessi Stati uniti.

Il nuovo raggruppamento, secondo la Casa bianca, copre qualcosa come il 40 per cento del Pil di tutto il pianeta.

La dichiarazione congiunta afferma che il partto aiuterà a "preparare collettivamente le economie per il futuro", dopo le difficoltà alle catene di fornitura innescate dalla pandemia Covid-19 e dall'invasione russa dell'Ucraina.

L'annuncio è stato fatto a Tokyo, nella seconda tappa del primo viaggio in Asia del presidente americano, dopo la sua elezione.

Il ministro degli Esteri cinese Wang Yi, dal canto suo, ha mantenuto un profilo basso rispetto all'IPEF. In un collegamento virtuale con la Commissione economica e sociale Onu per l'Asia e il Pacidico ha ricordato come Pechino sia impegnata in diversi patti commerciali regionali - il Partenariato economico regionale complessivo (RCEP) e il Partenariato trans-Pacifico complessivo e progressivo (CPTPP) - e intenda mantenere un approccio "ad alto livello di apertura, spingendo per una costruzione di alta qualità dell'Iniziativa Belt and Road, facilitando l'interconnessione dell'Asia-Pacifico e salvaguardando la sicurezza e la stabilità della catena di forniture regionale".

L'IPEF, secondo quanto ha detto ieri la segretaria al commercio Usa Gina Raimondo, rappresenta "un punto di svolta nel ristabilire la leadership economica usa nella regione e rappresenta per i paesi dell'Indo-Pacifoco un'alternativa all'approccio cinese a questi temi critici".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli