Italia markets closed
  • Dow Jones

    33.703,63
    -330,04 (-0,97%)
     
  • Nasdaq

    14.102,62
    +62,94 (+0,45%)
     
  • Nikkei 225

    29.018,33
    -272,68 (-0,93%)
     
  • EUR/USD

    1,1905
    -0,0096 (-0,80%)
     
  • BTC-EUR

    32.384,04
    -507,83 (-1,54%)
     
  • CMC Crypto 200

    954,08
    -15,79 (-1,63%)
     
  • HANG SENG

    28.558,59
    +121,75 (+0,43%)
     
  • S&P 500

    4.207,47
    -16,23 (-0,38%)
     

Dollaro USA in declino e renmimbi cinese in ascesa. Nuovo equilibrio mondiale?

·2 minuto per la lettura

Non è la prima volta che si affronta il tema del declino del dollaro USA come riserva di valore, e neppure è la prima volta che si constata come il renmimbi cinese stia guadagnando terreno sul piano internazionale.

Il dollaro negli ultimi 22 anni, cioè dal 1999, sarebbe sceso del 12% come riserva di valore nelle banche centrali di tutto il mondo, ci racconta Milano Finanza. Un calo non fisiologico, quindi, ma che perdura da decenni.

Ciò che va compreso è se si tratta di un riequilibrio, nel senso che l’espansione dell’economia cinese naturalmente attira a sé gli interessi di banche, investitori ed imprese e crea una sorta di “travaso” del peso delle valute internazionali all’interno delle riserve detenute dalle banche centrali; oppure se siamo in presenza di un cambio storico molto più profondo.

In quest’ultimo caso potrebbe significare che gli Stati Uniti stanno esaurendo poco a poco la loro rilevanza sul piano internazionale… Ma è così?

Meno riserve ma gli scambi restano a favore del dollaro

Se da un lato le riserve di dollaro detenute dalle banche centrali è diminuita nel corso degli ultimi decenni, rappresentando solo il 59% ad inizio 2020 (il minimo degli ultimi 25 anni), gli scambi internazionali in valuta dollaro USA continuano a dominare la scena.

Infatti, il 90% delle transazioni operate in valuta estera riguarda il dollaro statunitense.

Anche le importazioni e le esportazioni tra nazioni che non coinvolgono gli Stati Uniti, la valuta di regolamento dei pagamenti prevalente è il dollaro USA.

Dollaro USA e renmimbi

Il renmimbi e il dollaro canadese, negli ultimi decenni hanno guadagnato maggiore spazio nei forzieri delle banche centrali e oggi rappresentano rispettivamente il 9% delle riserve (cadauno) scrive ancora Milano Finanza, mentre l’euro è rimasto sostanzialmente invariato al 20%.

Quindi un “travaso” a favore del renmimbi, ma anche del CAD, oggettivamente vi è stato. Tuttavia se le operazioni economiche internazionali (quelle dell’economia reale) continuano ad essere regolate in dollaro USA, è indice che il biglietto verde è di là dal soccombere.

Ma trascurare l’ascesa dell’economia cinese sullo scenario internazionale non è una buona strategia. Da un punto di vista dell’investitore, l’avversione manifestata nei confronti della Cina dagli schieramenti politici non dovrebbe riguardargli. E questo perché la crescita della Cina nei prossimi decenni proseguirà nonostante gli USA pratichino l’ostruzionismo trumpiano (anche sotto Biden).

Il protezionismo, infatti, chiude le economie e queste sulla lunga distanza rischiano di impoverirsi.

Prezzo del dollaro USA

Il dollaro viene scambiato contro l’euro a 1,2241€, in salita del +0,21%. Da inizio anno l’apprezzamento è di appena il +0,95%, ma ad un anno è significativo: +12,29%.

La coppia CNY/USD ci mostra un renmimbi cinese scambiato a 0,1564 USD (+0,38%). Anche in questo caso ad un anno l’apprezzamento è a doppia cifra e si attesta sul +11,59%.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli