Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.981,27
    +188,60 (+0,54%)
     
  • Nasdaq

    14.880,59
    +100,06 (+0,68%)
     
  • Nikkei 225

    27.728,12
    +144,04 (+0,52%)
     
  • EUR/USD

    1,1846
    +0,0003 (+0,02%)
     
  • BTC-EUR

    34.353,36
    +604,61 (+1,79%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.002,22
    +26,32 (+2,70%)
     
  • HANG SENG

    26.204,69
    -221,86 (-0,84%)
     
  • S&P 500

    4.420,45
    +17,79 (+0,40%)
     

Dombrovskis si rimangia il Recovery permanente per accontentare l'opposizione di Helsinki

·Giornalista, L'HuffPost
·2 minuto per la lettura
(Photo: Olivier Matthys via Getty Images)
(Photo: Olivier Matthys via Getty Images)

È durata meno di ventiquattr’ore la discussione sull’idea di rendere il Recovery Fund uno strumento permanente della Commissione Europea per affrontare le crisi future una volta che la pandemia sarà alle spalle. Più che una discussione, in realtà si è trattato di un dialogo di Valdis Dombrovskis con se stesso. Ritenuto un “falco” e sponsor delle istanze politiche dei Paesi del Nord Europa a Bruxelles, il vicepresidente della Commissione ieri ha inaspettatamente aperto all’ipotesi di un Recovery Fund permanente da tenere nella cassetta degli attrezzi e tirare fuori all’occorrenza in caso di crisi. “Si tratta di uno strumento temporaneo ed è prematuro aprire un dibattito ora, ma più successo avremo nella sua implementazione, più spazio ci sarà per una discussione su uno strumento permanente di natura simile”, aveva detto nel corso di un’audizione al Parlamento Ue, ben lieto - almeno in buona parte - di ascoltare le sue parole.

Chiaro: parlarne ora, a distanza di un anno dalla sua approvazione e senza ancora che sia stato sborsato un euro, è più che prematuro. Le incognite su come verranno dirottate le risorse, sulle condizionalità e le tempistiche annesse, sulle verifiche e il monitoraggio, rendono precoce ogni dibattito anche embrionale. Ma le parole di Dombrovskis sono state lette, e a ragione, come una apertura della Commissione a fare del Recovery Fund uno strumento per il futuro. Apertura suffragata anche dalle parole del Commissario agli Affari economici Paolo Gentiloni, sempre lunedì: “Ora concentriamoci sul piano di Next Generation Eu e sul debito comune per farlo funzionare. E se funziona potrà essere ripetuto. È l’esperienza di tutta la costruzione del progetto europeo”.

Tuttavia è stato lo stesso Dombrovskis a scrivere oggi un tweet (in finlandese) con cui si chiude...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli