Italia markets closed
  • Dow Jones

    29.639,23
    -271,14 (-0,91%)
     
  • Nasdaq

    12.198,74
    -7,11 (-0,06%)
     
  • Nikkei 225

    26.433,62
    -211,09 (-0,79%)
     
  • EUR/USD

    1,1933
    -0,0037 (-0,31%)
     
  • BTC-EUR

    16.263,71
    +50,35 (+0,31%)
     
  • CMC Crypto 200

    380,91
    +16,31 (+4,47%)
     
  • HANG SENG

    26.341,49
    -553,19 (-2,06%)
     
  • S&P 500

    3.621,69
    -16,66 (-0,46%)
     

Donne costrette a visita ginecologica a Doha, causa abbandono neonato

·1 minuto per la lettura
neonato abbandonato Doha
neonato abbandonato Doha

È stato trovato un neonato abbandonato nell’aeroporto internazionale di Doha, nel Qatar. Le forze di sicurezza e dell’ordine hanno stoppato le donne che si trovavano nel gate e costrette a effettuare una visita ginecologica per accertare se avessero appena partorito.

Un neonato abbandonato all’aeroporto di Doha

È stato trovato nel bagno il neonato abbandonato allo scalo dell’aeroporto di Doha. Poi è scattata la caccia al responsabile per cui le autorità hanno bloccato il gate e sottoposto con la forza le donne che in totale erano 13, a una ispezione ginecologica finalizzata al verificare che avessero appena partorito.

Le donne, tutte cittadine australiane, hanno denunciato protestando contro le misure adottate dalle forze dell’ordine del Qatar. I media dall’Australia riferiscono che le 13 donne sono state sbarcate dai voli di Qatar Airways per essere forzate a essere sottoposte a una visita ginecologica all’interno di un mezzo di soccorso che si trovava sulla pista di atterraggio. Le donne hanno denunciato che sono state perquisiste senza essere state informate dei fatti. All’interno dell’ambulanza sono state quindi costrette a denudarsi e ad accettare l’ispezione ginecologica imposta.

Uno dei portavoce governativi australiani in merito ha dichiarato “preoccupante il trattamento inaccettabile riservato a queste passeggere”, ed ha infine garantito che il Dipartimento Affari Esteri è stato messo a conoscenza via canali diplomatici.