Italia markets close in 46 minutes
  • FTSE MIB

    22.591,69
    -394,01 (-1,71%)
     
  • Dow Jones

    33.780,84
    -218,20 (-0,64%)
     
  • Nasdaq

    12.746,12
    -219,22 (-1,69%)
     
  • Nikkei 225

    28.930,33
    -11,81 (-0,04%)
     
  • Petrolio

    91,09
    +0,59 (+0,65%)
     
  • BTC-EUR

    21.341,94
    -2.165,90 (-9,21%)
     
  • CMC Crypto 200

    509,07
    -32,54 (-6,01%)
     
  • Oro

    1.762,20
    -9,00 (-0,51%)
     
  • EUR/USD

    1,0047
    -0,0045 (-0,44%)
     
  • S&P 500

    4.239,26
    -44,48 (-1,04%)
     
  • HANG SENG

    19.773,03
    +9,12 (+0,05%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.739,50
    -37,88 (-1,00%)
     
  • EUR/GBP

    0,8504
    +0,0051 (+0,60%)
     
  • EUR/CHF

    0,9636
    -0,0013 (-0,14%)
     
  • EUR/CAD

    1,3055
    -0,0005 (-0,04%)
     

Dopo il caos sui voli in arrivo ondata di rincari sui biglietti

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 10 lug. (askanews) - Oltre alla situazione caotica sui voli che in questi giorni coinvolge diversi scali in Europa, i viaggiatori stanno per subire una raffica di aumenti dei prezzi dei biglietti. Lo prevede il direttore generale della International Air Transport Association (Iata), Willy Walsh che in un'intervista alla Bbc avverte "i voli diventeranno più costosi: non c'è dubbio. Gli elevati i prezzi del petrolio si rifletteranno in rincari dei biglietti".

Walsh, che è anche ex amministratore delegato di British Airways, spiega che i carburanti sono il singolo elemento di costo operativo più rilevante per una compagnia aerea. "E' inevitabile che alla fine i rincari del petrolio saranno trasferiti ai consumatori".

I prezzi del greggio, e quindi dei carburanti, tra cui quelli per il trasporto aereo, erano in risalita già da inizio anno a causa delle persistenti strozzature nelle catene di approvvigionamento globali, che si sono ulteriormente esacerbate con i controversi nuovi lockdown decisi dalla Cina. In questo quadro la guerra in Ucraina e soprattutto le sanzioni contro la Russia e le sue forniture energetiche hanno ulteriormente peggiorato la situazione.

Il tutto si aggiunge a una situazione già particolarmente difficile in questa estate sui voli in Europa, che il Regno Unito particolarmente sotto pressione. Secondo Walsh Heathrow è tra gli scali più in affanno: "avrebbero dovuto prepararsi meglio. Dicono che le compagnie aeree avrebbero dovuto operare all'80% dei loro slot nel periodo estivo. Chiaramente non avevano preparato risorse e personale sufficienti per gestire l'attività effettiva".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli