Italia markets closed
  • FTSE MIB

    21.354,65
    +60,79 (+0,29%)
     
  • Dow Jones

    31.097,26
    +321,83 (+1,05%)
     
  • Nasdaq

    11.127,84
    +99,11 (+0,90%)
     
  • Nikkei 225

    25.935,62
    -457,42 (-1,73%)
     
  • Petrolio

    108,46
    +2,70 (+2,55%)
     
  • BTC-EUR

    18.462,74
    -315,65 (-1,68%)
     
  • CMC Crypto 200

    420,84
    +0,70 (+0,17%)
     
  • Oro

    1.812,90
    +5,60 (+0,31%)
     
  • EUR/USD

    1,0426
    -0,0057 (-0,54%)
     
  • S&P 500

    3.825,33
    +39,95 (+1,06%)
     
  • HANG SENG

    21.859,79
    -137,10 (-0,62%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.448,31
    -6,55 (-0,19%)
     
  • EUR/GBP

    0,8623
    +0,0016 (+0,19%)
     
  • EUR/CHF

    1,0002
    -0,0005 (-0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,3434
    -0,0056 (-0,42%)
     

Dopo il PIL USA Sotto le Attese l’Euro Dollaro Cerca di Consolidarsi sopra 1,0700

Il prezzo dell’euro dollaro sta cercando di recuperare terreno sin dagli inizi della seduta odierna, raggiungendo il massimo giornaliero a 1,0722 durante la sessione europea, soprattutto grazie ai commenti aggressivi della BCE.

Nella giornata di ieri, alle 20.00 sono state pubblicate le minute dell’ultimo incontro della FED, la quale ha portato ad un miglioramento del sentiment statunitense poiché il verbale pubblicato non ha portato grosse sorprese. La Banca Centrale Statunitense ha praticamente confermato le indiscrezioni riguardo ad un aumento dei tassi di interesse di 50 punti base nei prossimi incontri; questi aumenti devono essere letti come una pausa per una valutazione approfondita degli effetti dei recenti rialzi dei tassi.

Calendario macroeconomico dell’Eurozona povero ma ci pensano gli USA a movimentare il fiber

Nella giornata odierna il calendario macroeconomico da punto di vista dell’UE non ha offerto alcuno spunto, mentre il rilascio dei primi dati statunitensi hanno iniziato a movimentare l’euro dollaro.

Gli Stati Uniti hanno pubblicato la seconda stima del Prodotto Interno Lordo del primo trimestre, mostrando un dato al di sotto delle attese sia rispetto gli analisti che a quello precedente (-1,5% rispetto a -1,3% degli analisti e -1,4% del dato precedente).

Inoltre, sono state pubblicate le richieste iniziali di sussidi di disoccupazione per la settimana appena terminata mostrando un dato positivo, 210.000 le richieste risultando inferiori alle 215.000 richieste previste.

Dopo la pubblicazione dei dati statunitensi il future del dollaro americano a cominciato a movimentarsi al ribasso, riprendendo la tendenza short iniziata a seguito della formazione del massimo raggiunto l’ultima volta 20 anni prima. Al momento della stesura dell’articolo, il future DXY sta cercando di chiudere sotto l’area di supply.

Ci si prospetta un rialzo dell’euro dollaro più forte del previsto.

Analisi Tecno-Grafica e previsioni euro dollaro

Al momento della scrittura il prezzo del fiber quota 1,0716, in rialzo dello 0,27% rispetto alla seduta precedente e in procinto di estendere i guadagni dopo il tentativo di confermare il superamento del target intermedio 1,0709.

Una chiusura giornaliera sopra 1,0709 confermerà i presupposti rialzisti e probabilmente si vedrà un euro dollaro molto più tonico e deciso rispetto alle attese, il quale dovrebbe raggiungere in breve tempo il prossimo obiettivo rialzista rappresentato dal target intermedio 1,0824.

Da monitorare l’inserimento del terzo obiettivo di questa nuova tendenza al rialzo a 1,1019.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico. È inoltre possibile seguire la nostra pagina Facebook per rimanere aggiornati sulle ultime notizie economiche e analisi tecniche.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli