Italia markets open in 3 hours 9 minutes
  • Dow Jones

    30.046,24
    +454,97 (+1,54%)
     
  • Nasdaq

    12.036,79
    +156,15 (+1,31%)
     
  • Nikkei 225

    26.446,86
    +281,27 (+1,07%)
     
  • EUR/USD

    1,1913
    +0,0017 (+0,14%)
     
  • BTC-EUR

    15.790,19
    -236,78 (-1,48%)
     
  • CMC Crypto 200

    372,62
    +2,87 (+0,78%)
     
  • HANG SENG

    26.814,66
    +226,46 (+0,85%)
     
  • S&P 500

    3.635,41
    +57,82 (+1,62%)
     

Dpcm, Gualtieri: fino a 350.000 aziende colpite da restrizioni otterranno ristori

Laura Naka Antonelli
·2 minuto per la lettura

Sono "300-350.000 le aziende" interessate ai ristori che sono previsti dal Dpcm che è stato firmato nella giornata di ieri dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Lo ha detto il ministro dell'economia Roberto Gualtieri, in un'intervista al Tg1 rilasciata nella giornata di ieri: "Tutte le aziende ed esercizi pubblici che sono oggetto delle restrizioni introdotte dal Dpcm" saranno interessate dai ristori, ha detto il titolare del Tesoro. Gualtieri ha aggiunto che "sappiamo di chiedere un sacrificio importante e necessario a contenere il virus e quindi per tutti costoro ci saranno questi indennizzi che sono solo una parte delle misure. Avremo poi per tre mesi il credito di imposta sugli affitti, l'eliminazione della rata Imu e poi naturalmente la cig per i lavoratori e l'indennità di 1.000 euro per i collaboratori". "Per quelli che non hanno fatto domanda o con fatturato superiore ai 5 milioni di euro che inseriamo ci sarà una domanda da fare e quindi ci sarà qualche settimana in più per avere l'erogazione che comunque sarà entro l'anno - ha sottolineato ancora il ministro, mentre per chi ha già fatto domanda in precedenza sarà facile ottenere gli indennizzi,. in quanto questi "verranno erogati automaticamente". Così il Sole 24 Ore nell'edizione odierna: "L'idea su cui stanno lavorando il ministro dell'Economia, Roberto Gualtieri, e quello dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, è quella di prevedere ristori veloci e da far correre su un doppio binario: un rimborso più elevato per quelle attività che da oggi dovranno sospendere del tutto la loro attività come cinema, sale gioco e scommesse, sale bingo, palestre, centri sportivi o piscine per citarne alcune, e un ristoro più ridotto per quelle attività obbligate a chiusure limitate come bar, ristoranti e pub che potranno operare dalle 5 del mattino fino alle ore 18 per i servizi al tavolo o al banco e proseguire otre la chiusura al pubblico solo con servizi di asporto".