Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.534,57
    -451,13 (-1,96%)
     
  • Dow Jones

    33.706,74
    -292,30 (-0,86%)
     
  • Nasdaq

    12.705,21
    -260,13 (-2,01%)
     
  • Nikkei 225

    28.930,33
    -11,81 (-0,04%)
     
  • Petrolio

    89,91
    -0,59 (-0,65%)
     
  • BTC-EUR

    20.940,74
    -2.366,36 (-10,15%)
     
  • CMC Crypto 200

    504,88
    -36,72 (-6,78%)
     
  • Oro

    1.760,30
    -10,90 (-0,62%)
     
  • EUR/USD

    1,0044
    -0,0048 (-0,47%)
     
  • S&P 500

    4.228,48
    -55,26 (-1,29%)
     
  • HANG SENG

    19.773,03
    +9,12 (+0,05%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.730,32
    -47,06 (-1,25%)
     
  • EUR/GBP

    0,8484
    +0,0030 (+0,36%)
     
  • EUR/CHF

    0,9622
    -0,0026 (-0,27%)
     
  • EUR/CAD

    1,3036
    -0,0024 (-0,19%)
     

Draghi al G7: Putin non deve vincere, perderebbero le democrazie

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Garmisch-Partenkirchen, 27 giu. (askanews) - "Putin non deve vincere" perchè "se l'Ucraina perde, tutte le democrazie perdono". Il presidente del Consiglio Mario Draghi lo dice prendendo la parola nella sessione mattutina, dopo l'intervento in collegamento di Volodymyr Zelensky con i leader del G7. Il presidente ucraino, con l'ormai 'classica' T-shirt verde, ringrazia tutti per il sostegno e avanza alcune richieste: fornire sistemi antiaereo di difesa, garantire la sicurezza, sbloccare le esportazioni di grano, aumentare le sanzioni e garantire risorse per la ricostruzione.

"Siamo uniti con l'Ucraina perché se l'Ucraina perde, tutte le democrazie perdono. Se l'Ucraina perde, sarà più difficile sostenere che la democrazia è un modello di governo efficace", dice Draghi, ringraziando il Zelensky per "il benvenuto eccezionale" ricevuto nella recente visita a Kiev insieme al presidente francese Emmanuel Macron e al cancelliere tedesco Olaf Scholz. In quella visita, i tre leader avevano assicurato il loro sostegno per l'ok allo status di candidato nell'Ue, poi approvato dal Consiglio europeo di Bruxelles. "La decisione di dare all'Ucraina lo status di candidato - rimarca Draghi . è importante per l'Ucraina ma anche per l'Unione Europea. L'Ue ha mutato in modo profondo il suo atteggiamento verso i Paesi vicini, la sua strategia di lungo periodo. E' un cambiamento molto importante". Il premier ricorda anche che "gli italiani hanno accolto gli ucraini, i loro bambini. Il governo ha fatto la sua parte, ma la parte più importante l'hanno fatta le autorità locali, le famiglie".

Rivolgendosi ai partner, Draghi rilancia la necessità di un impegno coordinato per porre un freno ai costi dell'energia. "Dobbiamo continuare a lavorare su come imporre un tetto al prezzo del gas", ribadisce mentre il G7 si avvia a dare il via libera (pur condizionato a uno studio di fattibilità) al price cap sul petrolio, obiettivo fortemente caldeggiato dal presidente americano Joe Biden.

Nel corso della giornata, Draghi ha avuto anche un bilaterale con il premier britannico Boris Johnson e uno con il presidente argentino Alberto Angel Fernandez. Domani la chiusura del summit, al termine del quale il presidente del Consiglio, dopo la conferenza stampa, volerà direttamente a Madrid, per il vertice della Nato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli