Italia markets open in 1 hour 46 minutes
  • Dow Jones

    31.535,51
    +603,14 (+1,95%)
     
  • Nasdaq

    13.588,83
    0,00 (0,00%)
     
  • Nikkei 225

    29.431,38
    -232,12 (-0,78%)
     
  • EUR/USD

    1,2029
    -0,0030 (-0,25%)
     
  • BTC-EUR

    40.400,19
    +1.518,91 (+3,91%)
     
  • CMC Crypto 200

    974,21
    -12,44 (-1,26%)
     
  • HANG SENG

    28.988,16
    -464,41 (-1,58%)
     
  • S&P 500

    3.901,82
    +90,67 (+2,38%)
     

Draghi al Senato: 'sarebbe un errore proteggere indifferentemente tutte le attività economiche'

Laura Naka Antonelli
·1 minuto per la lettura

"Il governo dovrà proteggere i lavoratori, tutti i lavoratori, ma sarebbe un errore proteggere indifferentemente tutte le attività economiche. Acune dovranno cambiare, anche radicalmente. E la scelta di quali attività proteggere e quali accompagnare nel cambiamento è il difficile compito che la politica economica dovrà affrontare nei prossimi mesi". Lo ha detto il presidente del Consiglio Mario Draghi, nel suo esordio in Parlamento, al Senato, con cui sta illustrando il programma per il rilancio dell'Italia dalla crisi economica scatenata dalla pandemia Covid. Si tratta per la precisione delle Comunicazioni di Draghi sulle linee programmatiche del Governo. "La capacità di adattamento del nostro sistema produttivo e interventi senza precedenti hanno permesso di preservare la forza lavoro in un anno drammatico: sono stati sette milioni i lavoratori che hanno fruito di strumenti di integrazione salariale per un totale di 4 miliardi di ore - ha ricordato il presidente del Consiglio - Grazie a tali misure, supportate anche dalla Commissione Europea mediante il programma SURE, è stato possibile limitare gli effetti negativi sull'occupazione. A pagare il prezzo più alto sono stati i giovani, le donne e i lavoratori autonomi. E' innanzitutto a loro che bisogna pensare quando approntiamo una strategia di sostegno delle imprese e del lavoro, strategia che dovrà coordinare la sequenza degli interventi sul lavoro, sul credito e sul capitale. Centrali sono le politiche attive del lavoro. Affinché esse siano immediatamente operative è necessario migliorare gli strumenti esistenti, come l'assegno di riallocazione, rafforzando le politiche di formazione dei lavoratori occupati e disoccupati".