Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.268,02
    -474,80 (-1,37%)
     
  • Nasdaq

    13.401,98
    +0,12 (+0,00%)
     
  • Nikkei 225

    28.608,59
    -909,71 (-3,08%)
     
  • EUR/USD

    1,2167
    +0,0032 (+0,27%)
     
  • BTC-EUR

    46.335,36
    -1.276,64 (-2,68%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.505,72
    +1.263,04 (+520,46%)
     
  • HANG SENG

    28.013,81
    -581,89 (-2,03%)
     
  • S&P 500

    4.153,08
    -35,35 (-0,84%)
     

Sondaggio Monitor Italia: Draghi piano piano perde consensi, pur restando il leader più amato

Giulia Belardelli
·Giornalista, HuffPost
·1 minuto per la lettura
Mario Draghi (Photo: Antonio Masiello via Getty Images)
Mario Draghi (Photo: Antonio Masiello via Getty Images)

Mario Draghi rimane il leader più apprezzato dagli italiani ma la fiducia nel nuovo presidente del Consiglio continua a calare ogni settimana. Aumenta invece il consenso di molti altri: Giuseppe Conte, Enrico Letta, Silvio Berlusconi, Giorgia Meloni. Lo rileva Monitor Italia, il sondaggio realizzato da Tecnè con Agenzia Dire, con interviste effettuate l′8 e 9 aprile su un campione di mille casi.

Draghi è il leader più amato (55,4%) ma rispetto a sette giorni fa registra -0,7% nel consenso. In due mesi ha perso il 5,6% dei consensi. Il 13 febbraio il 61% degli italiani aveva fiducia nell’ex presidente della Banca centrale europea. Per il primo mese il trend è rimasto stabile, sempre sopra il 60% (60,6% il 19 marzo), poi un lento crollo: 57,8% il 26 marzo, 26,1% il primo aprile, 55,4% il 9 aprile. Dal 61% al 55,4%, perso il 5,6% dei consensi in due mesi.

Al secondo posto Giorgia Meloni col 40,2%, in leggera crescita (+0,1%) rispetto alla scorsa rilevazione. Quindi Giuseppe Conte, il leader che compie il passo più lungo questa settimana (+0,4), terzo col 36,2% dei consensi. Quarto Matteo Salvini, stabile al 33%.

Cresce la fiducia anche del nuovo segretario Dem, Enrico Letta, che guadagna 0,3% e sale al 28,7% complessivo precedendo Silvio Berlusconi al 27,7% (+0,3% nell’ultima settimana).

In calo (-0,3%) il ministro della Salute Roberto Speranza, ora al 22,8%. Stabile Emma Bonino al 21%, quindi Carlo Calenda (-0,2%) con il 17,3% e infine Matteo Renzi (-0,1%) col 10,7%.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.