Italia markets open in 2 hours 24 minutes
  • Dow Jones

    31.535,51
    +603,14 (+1,95%)
     
  • Nasdaq

    13.588,83
    0,00 (0,00%)
     
  • Nikkei 225

    29.395,54
    -267,96 (-0,90%)
     
  • EUR/USD

    1,2025
    -0,0035 (-0,29%)
     
  • BTC-EUR

    40.669,04
    +1.932,08 (+4,99%)
     
  • CMC Crypto 200

    981,97
    -4,68 (-0,47%)
     
  • HANG SENG

    29.100,87
    -351,70 (-1,19%)
     
  • S&P 500

    3.901,82
    +90,67 (+2,38%)
     

Draghi mette le ali al FTSE Mib

Investimenti Bnp Paribas
·2 minuto per la lettura

La seduta di ieri è stata caratterizzata da un forte ottimismo sul mercato azionario italiano. Gli acquisti si sono scatenati grazie agli esiti della crisi di Governo in Italia. Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha assegnato a Mario Draghi di formare un nuovo esecutivo. Dopo essere salito al Colle, nella giornata di ieri l’ex numero uno della BCE ha accettato l’incarico con riserva. Anche se la strada resta ancora lunga in quanto mancano ancora passaggi come la verifica di una maggioranza, il mercato ha reagito con euforia con l’indice di Borsa FTSE Mib che ha chiuso la seduta in forte rialzo e lo spread BTp-Bund ha chiuso in area 100 punti base. Guardando agli Stati Uniti, oltre agli ottimi risultati trimestrali di colossi tecnologici del calibro di Amazon e Alphabet, è da segnalare come il Senato abbia dato l’ok alla riconciliazione del budget che permetterebbe di approvare le misure di stimolo con la maggioranza semplice dei Senatori. Questa passerebbe quindi da 60 a 51. Intanto arrivano notizie positive sul fronte del vaccino anti-Covid sviluppato dall’Università di Oxford e AstraZeneca. Andrew Pollard, Direttore dell’Oxford Vaccine Group, ha dichiarato che in autunno arriverà il siero contro le varianti del Covid-19, le quali sono caratterizzate da una maggiore contagiosità. Sul fronte valutario evidenziamo come il cambio EUR/USD si trovi nei pressi della soglia psicologica a 1,20, minimi degli ultimi due mesi. La moneta unica non sembra essersi interessata alla fase di risoluzione politica in Italia, ma guarda sempre di più alla differenza tra la forte ripresa economica statunitense e quella europea più debole.

FOCUS SUL PRIMO MEETING 2021 DELLA BOE

La mattinata partirà con le rilevazioni sul PMI delle costruzioni di gennaio per l’Eurozona, la Francia, l’Italia e la Germania. In zona Euro attenzione anche alle vendite al dettaglio di dicembre e alla pubblicazione del Bollettino Economico della BCE. Il focus si sposterà poi in Gran Bretagna con il meeting della Bank of England, che dovrebbe lasciare i tassi fermi allo 0,1%. Al pomeriggio i riflettori saranno puntati sugli Stati Uniti, dove si conosceranno i dati sulle richieste di sussidio di disoccupazione dell’ultima settimana e gli ordini industriali di dicembre. In serata si terrà invece un intervento di Mary Daly, Presidente della FED di San Francisco.

Autore: Investimenti Bnp Paribas Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online