Italia markets open in 1 hour 33 minutes
  • Dow Jones

    33.821,30
    -256,33 (-0,75%)
     
  • Nasdaq

    13.786,27
    -128,50 (-0,92%)
     
  • Nikkei 225

    28.526,87
    -573,51 (-1,97%)
     
  • EUR/USD

    1,2035
    -0,0006 (-0,05%)
     
  • BTC-EUR

    46.133,16
    +6,45 (+0,01%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.273,79
    +39,37 (+3,19%)
     
  • HANG SENG

    28.614,21
    -521,52 (-1,79%)
     
  • S&P 500

    4.134,94
    -28,32 (-0,68%)
     

Draghi su Eurobond: ruolo internazionale dollaro lo determina anche il fatto che titoli Tesori Usa tra i più scambiati al mondo'

Laura Naka Antonelli
·1 minuto per la lettura

"Il ruolo internazionale del dollaro lo determinano" fattori come "il debito, ovvero il fatto che il titolo del Tesoro Usa é il più scambiato nel mondo". Così il presidente del Consiglio Mario Draghi in conferenza stampa, riaffrontando la questione della necessità degli eurobond, da lui rilanciata in occasione della riunione di ieri del Consiglio europeo - Noi abbiamo il debito dei vari Paesi, ma quei titoli (di stato) non hanno quella caratteristica di essere completamente privi di rischio". Un altro fattore che gioca a favore del dollaro, ha aggiunto, é che gli Stati Uniti "hanno un mercato dei capitali gigantesco dove tutte le società possono emettere azioni". "Bisogna arrivare a una unione fiscale - ha rimarcato Draghi, - il tragitto è molto lungo ed è anche molto, molto difficile perchè i vari Paesi la pensano in maniera diversa. Ma sarebbe importante avere un impegno politico, che non si concretizzerà domani, non so quante generazioni ci vorranno, che l'Europa marcia in quella direzione". Gli Stati Uniti sono stati presi ancora come esempio a cui l'Eurozona dovrebbe guardare: Noi, ha detto il premier, "non abbiamo un mercato unico dei capitali" e "in mancanza di una unione bancaria, di una unione del mercato dei capitali, e in mancanza di un titolo condiviso come quello del Tesoro americano che viene dal fatto che gli Usa hanno un bilancio federale, va bene parlare dell'importanza dell'euro, ma se non si risolvono questi problemi..."