Italia markets open in 2 hours 27 minutes
  • Dow Jones

    28.210,82
    -97,97 (-0,35%)
     
  • Nasdaq

    11.484,69
    -31,80 (-0,28%)
     
  • Nikkei 225

    23.463,84
    -175,62 (-0,74%)
     
  • EUR/USD

    1,1847
    -0,0020 (-0,17%)
     
  • BTC-EUR

    10.755,46
    +1.426,06 (+15,29%)
     
  • CMC Crypto 200

    255,42
    +10,53 (+4,30%)
     
  • HANG SENG

    24.699,11
    -55,31 (-0,22%)
     
  • S&P 500

    3.435,56
    -7,56 (-0,22%)
     

I due aggressori facevano una vita da re pur essendo nullatenenti

·2 minuti per la lettura
Fratelli Bianchi
Fratelli Bianchi

I fratelli Bianchi, Marco e Gabriele, indagati per l’omicidio di Willy Monteiro Duarte, mostravano sui social una vita agiata da veri re. Guardando i loro scatti in molti si sono chiesti con quali risorse riuscivano a mantenere quel tenore di vita così ostentato. Abiti firmati, orologi di marca, accessori all’ultima moda, moto e vacanze da sogno in luoghi spesso inavvicinabili per molte persone. Come riuscivano a permettersi una vita del genere pur risultando nullatenenti?

La vita agiata dei fratelli Bianchi

La vita agiata ostentata sui social dai fratelli Bianchi fa nascere moltissime domande sulle loro entrate economiche. Gabriele, da qualche mese, aveva aperto un piccolo negozio di frutta e verdura a Cori, in provincia di Latina. Mauro De Lellis, sindaco della cittadina, ha già avviato le pratiche per il ritiro della licenza. In questo locale lavorava anche il fratello Marco, ma difficile pensare che questo tipo di entrate possano bastare per mantenere un certo tenore di vita. La famiglia Bianchi abita in una frazione di Artena e il papà dei due ragazzi ha un’impresa di pozzi, mentre gli altri due figli hanno due attività commerciali, ovvero un’enoteca e un negozio di alimentari. Marco e Gabriele risultano a tutti gli effetti nullatenenti. I due hanno interrotto a metà la scuola e hanno avuto dei lavori saltuari. Proprio per questo motivo potrebbero partire degli accertamenti di natura patrimoniale.


Eppure i due ragazzi ostentavano in tutti i modi il lusso e il loro temperamento era già noto alle forze dell’ordine, visto che i due ragazzi hanno accumulato un bel numero di denunce, tra cui alcune per spaccio di stupefacenti. Marco ha alle spalle denunce per rissa, lesioni personali e spaccio, mentre Gabriele per minacce, lesioni, porto di oggetti atti a offendere e spaccio. Ad Artena e Lariano i due ragazzi sono stati definiti “sopra le regole”, “spocchiosi” e “chiassosi”. Le persone hanno sottolineato che ci sono state spesso delle risse in cui i fratelli Bianchi sono risultati coinvolti.