Italia markets closed
  • FTSE MIB

    27.061,40
    -508,60 (-1,84%)
     
  • Dow Jones

    34.638,72
    -76,67 (-0,22%)
     
  • Nasdaq

    14.009,86
    -144,16 (-1,02%)
     
  • Nikkei 225

    27.522,26
    -250,67 (-0,90%)
     
  • Petrolio

    84,96
    -0,59 (-0,69%)
     
  • BTC-EUR

    33.931,71
    -4.420,01 (-11,52%)
     
  • CMC Crypto 200

    905,21
    +662,53 (+273,01%)
     
  • Oro

    1.833,50
    -9,10 (-0,49%)
     
  • EUR/USD

    1,1352
    +0,0035 (+0,31%)
     
  • S&P 500

    4.456,32
    -26,41 (-0,59%)
     
  • HANG SENG

    24.965,55
    +13,20 (+0,05%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.229,56
    -70,05 (-1,63%)
     
  • EUR/GBP

    0,8367
    +0,0050 (+0,60%)
     
  • EUR/CHF

    1,0346
    -0,0028 (-0,27%)
     
  • EUR/CAD

    1,4230
    +0,0089 (+0,63%)
     

'Duello' a distanza Salvini-Patuanelli sul valore del Superbonus edilizio

·1 minuto per la lettura

AGI - Abbassare il valore del superbonus edilizio dal 110 per cento all'80 per cento: la proposta viene dal leader della Lega, Matteo Salvini, intervenendo agli stati generali dei consulenti del lavoro. 

"Invece di inventare un'improbabile proroga al 2023 del Superbonus al 110% per unità unifamiliari e villette con Isee inferiore a 25 mila euro, non avrebbe più senso abbassare dal 110% al 70-80% in modo che i privati ci mettano qualcosa e si possa estenderlo a tutti?", spiega il leader della Lega a cui però risponde il M5s.

Prima con il ministro dell'Agricoltura, Stefano Patuanelli, che alla proposta di Salvini ribatte con un laconico "no, grazie". Poi con i senatori M5s in commissione Industria, Commercio e Turismo Gianni Girotto, Cristiano Anastasi, Marco Croatti, Gabriele Lanzi e Sergio Vaccaro: "Come sulle bollette e sul green pass, anche sul Superbonus al 110% Salvini dà di nuovo dimostrazione del suo preoccupante stato confusionale", scrivono i pentastellati in una nota. 

"Come sempre più spesso accade, il leader leghista palesa una conoscenza del tutto sommaria delle questioni di cui parla: il cosiddetto 'decalage' dal 110% a percentuali più basse di agevolazione è già previsto a partire dal 2024. Anticiparlo già da adesso significa dire a migliaia di italiani 'scusate, abbiamo scherzato'. Imprese, professionisti e cittadini che hanno deciso di migliorare strutturalmente la loro casa hanno bisogno di certezze, non di ulteriori complicazioni e contorsioni numeriche. Su una cosa siamo d'accordo con Salvini, a dimostrazione che anche un orologio rotto due volte al giorno dice l'ora esatta: la soglia Isee a 25 mila euro per le unifamiliari è surreale e va eliminata. Siamo certi che lui e la Lega, durante l'iter della manovra al Senato, ci aiuteranno nell'intento”, concludono.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli