Italia markets closed
  • Dow Jones

    29.574,49
    -335,88 (-1,12%)
     
  • Nasdaq

    12.192,41
    -13,44 (-0,11%)
     
  • Nikkei 225

    26.433,62
    -211,09 (-0,79%)
     
  • EUR/USD

    1,1940
    -0,0030 (-0,25%)
     
  • BTC-EUR

    16.238,53
    +908,61 (+5,93%)
     
  • CMC Crypto 200

    380,49
    +15,89 (+4,36%)
     
  • HANG SENG

    26.341,49
    -553,19 (-2,06%)
     
  • S&P 500

    3.617,53
    -20,82 (-0,57%)
     

Duro l'intervento dell'infettivologo dell'ospedale San Martino di Genova

·1 minuto per la lettura
Matteo Bassetti
Matteo Bassetti

Matteo Bassetti, infettivologo dell’ospedale San Martino di Genova, ha commentato e criticato il nuovo Dpcm firmato dal Governo Conte. Ospite a Omnibus su La7, l’esperto ha spiegato: “Per vedere se le misure saranno efficaci ci vuole tempo. Il dpcm che aveva dato mandato alle regioni di monitorare le situazioni, di pochi giorni prima, è stato immediatamente rimpiazzato da un secondo dpcm. Credo che questo dpcm porterà poco lontano – sottolinea Bassetti -. Non credo che limitare la circolazione di qualche ora, e ristoranti e i bar, sia quello di cui l’Italia ha bisogno. Basta uscire per andare a lavorare e ci si rende conto che la gente si contagia in altre situazioni, non al ristorante: trasporti pubblici, le code”.

Matteo Bassetti critica il Dpcm

In altre parole, per Bassetti, il Dpcm va a colpire i bersagli sbagliati. “Credo che si debba mirare oggi alle categorie più a rischio. In ospedale abbiamo tanti giovani, ma chi paga di più il coronavirus sono le persone fragile, immunodepressi, obesi e soprattutto gli anziani, che dovrebbero avere la maggiore attenzione in questo momento”. E ancora: “Abbiamo detto: possiamo trattare a domicilio una quota importante di chi ha il Covid, almeno i poco sintomatici. Ma nella realtà i medici ce la stanno mettendo tutta, ma quando hai da assistere contemporaneamente 1.500 persone in un momento come questo, di picco epidemico, diventa impossibile. Non è un problema della medicina del territorio, è un problema organizzativo. È una cosa che andrà completamente ripensata”.