Italia markets close in 2 hours 4 minutes
  • FTSE MIB

    23.134,85
    +36,70 (+0,16%)
     
  • Dow Jones

    31.961,86
    +424,51 (+1,35%)
     
  • Nasdaq

    13.597,97
    +132,77 (+0,99%)
     
  • Nikkei 225

    30.168,27
    +496,57 (+1,67%)
     
  • Petrolio

    62,75
    -0,47 (-0,74%)
     
  • BTC-EUR

    41.979,42
    +952,06 (+2,32%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.025,10
    +10,18 (+1,00%)
     
  • Oro

    1.778,50
    -19,40 (-1,08%)
     
  • EUR/USD

    1,2223
    +0,0055 (+0,45%)
     
  • S&P 500

    3.925,43
    +44,06 (+1,14%)
     
  • HANG SENG

    30.074,17
    +355,93 (+1,20%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.706,10
    +0,11 (+0,00%)
     
  • EUR/GBP

    0,8632
    +0,0032 (+0,38%)
     
  • EUR/CHF

    1,1065
    +0,0037 (+0,33%)
     
  • EUR/CAD

    1,5262
    +0,0036 (+0,24%)
     

E-commerce: 64% Pmi sbarca sul digitale, l’84% ci resterà

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 11 feb. (askanews) - Nel 2020, con la crisi sanitaria, anche le Pmi del commercio hanno compiuto il tanto atteso atto di moto verso il digitale per mantenere attivi il dialogo con i consumatori e la vendita. Da un'analisi condotta dall'Osservatorio Innovazione Digitale nel Retail del Politecnico di Milano su 312 Pmi italiane del commercio è emerso che il 74% ha chiuso i punti vendita durante il primo lockdown: ma due terzi (64%) di questi hanno però lanciato almeno una nuova modalità di contatto e di vendita (app di messaggistica, telefono, email etc.). I benefici riscontrati (raggiungimento di un numero più ampio di consumatori e mantenimento di un dialogo attivo con i clienti più fedeli) hanno spinto l'84% del campione a mantenere attive tali modalità anche in fase di riapertura dei negozi. Il digitale ha inoltre facilitato l'adeguamento dei punti vendita alle misure governative e alle nuove esigenze dei consumatori. Le soluzioni maggiormente adottate sono sistemi per il monitoraggio dello stato dei clienti (47% del campione), soluzioni per il contingentamento degli ingressi (29%) e sistemi per il rispetto del distanziamento sociale in store (28%). Le PMI hanno lavorato anche sull'offerta di innovativi metodi di pagamento, contactless e mobile (67%) e sullo sviluppo di modelli omnicanale (42%). Permangono però dei vincoli di natura dimensionale: si tratta infatti di piccole imprese per le quali è complesso reperire gli adeguati capitali di investimento e le giuste competenze per sviluppare progettualità innovative. L'emergenza ha però allentato alcuni vincoli all'innovazione (paura di ritorni poco certi, scarsa consapevolezza delle soluzioni esistenti...) e ha spinto le Pmi a riflettere sull'offerta di nuovi modelli di relazione nel medio-lungo termine. "Serrande abbassate e crescita del canale online hanno condotto i retailer italiani a stravolgere le proprie strategie e l'innovazione digitale non è mai stata così centrale nelle agende di sviluppo di tante aziende. I retailer si sono mossi in due direzioni: potenziamento dell'eCommerce e digitalizzazione dei processi fisici in negozio", dichiara Valentina Pontiggia, Direttore dell'Osservatorio Innovazione Digitale nel Retail della School of Management del Politecnico di Milano.