Italia Markets closed

È morto il suocero di Stefano D'Orazio, la moglie: “Erano i miei due amori: la vita è ingiusta"

Adalgisa Marrocco
·Contributor HuffPost Italia
·1 minuto per la lettura
Stefano D'Orazio e il suocero (Photo: facebook)
Stefano D'Orazio e il suocero (Photo: facebook)

Se ne vanno “i miei due uomini. I miei amori. La vita è stata ingiusta e crudele. Ciao, papino mio”. Così Tiziana Giardoni, moglie di Stefano D’Orazio, batterista dei Pooh scomparso poche settimane fa dopo aver contratto il Covid, annuncia su Instagram la perdita del padre.

A far sentire vicinanza alla Giardoni amici e persone care. Tra queste anche i componenti dei Pooh, come Roby Facchinetti che ha scritto su Facebook: “Cara Tiziana, ancora una volta la vita ti sta mettendo alla prova con questo ulteriore e insopportabile dolore. Che Dio ti aiuti a trovare la forza di sopportare anche la dolorosissima perdita del tuo amatissimo papà. Io, Giovanna, i miei figli, ti siamo vicini con tutto il nostro affetto”. Facchinetti ha aggiunto uno scatto che ritrae il compianto amico e compagno di band insieme al suocero.

Il batterista e paroliere Stefano D’Orazio, dopo una settimana di ricovero presso il Policlinico Agostino Gemelli di Roma, è deceduto la sera del 6 novembre 2020, all’età di 72 anni. Il 9 novembre si è svolto il corteo funebre dal Campidoglio fino alla Chiesa degli artisti a piazza del Popolo dove si sono celebrate le esequie. Lui e Tiziana Giardoni si erano sposati due anni fa, dopo il colpo di fulmine che li aveva uniti nel 2007.

Leggi anche...

La moglie di D'Orazio: "Non riesco a cancellare la notte in cui ho visto mio marito Stefano per l’ultima volta"

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.