Italia Markets closed

È morto Lewis, il koala salvato dalle fiamme

Lewis non ce l'ha fatta. Il koala salvato da un incendio nel Nuovo Galles del Sud, in Australia, lo scorso 21 novembre, stava soffrendo per le gravi ustioni e i veterinari dell'ospedale Port Macquarie hanno deciso di alleviare per sempre il suo dolore. "Il (nostro) obiettivo numero uno è il benessere degli animali, è stato per questo motivo che la decisione è stata presa", ha detto i sanitari alla Cnn. Il koala era diventato "famoso" dopo il video del suo salvataggio, subito diventato virale.

GUARDA: Incendi in Australia: fuoco e fumo su Adelaide e Sydney


La donna che proteggendolo con la sua camicia e portandolo via dalle fiamme cercò di salvargli la vita si chiama Toni Doherty. Le immagini del suo gesto hanno fatto il giro del mondo. La situazione era sembrata critica sin da subito: l'animale, che si è stimato avere 14 anni, aveva ustioni su zampe e naso. Sembrava essersi ripreso, ma negli ultimi giorni stava soffrendo troppo: "Le sue ferite non erano curabili e il suo dolore non era tollerabile".


GUARDA ANCHE: Commovente video del koala salvato dalle fiamme: beve dal bicchiere 


Il suo salvataggio ha acceso i riflettori sul pericolo a cui i koala sono sempre più frequentemente sottoposti: gli incendi boschivi, che solo nell'ultimo mese hanno portato alla morte centinaia di esemplari, potrebbero mettere a repentaglio questa specie.