Italia markets close in 3 hours 11 minutes
  • FTSE MIB

    24.294,67
    -158,26 (-0,65%)
     
  • Dow Jones

    33.587,66
    -681,50 (-1,99%)
     
  • Nasdaq

    13.031,68
    -357,75 (-2,67%)
     
  • Nikkei 225

    27.448,01
    -699,50 (-2,49%)
     
  • Petrolio

    64,49
    -1,59 (-2,41%)
     
  • BTC-EUR

    41.557,97
    -5.575,73 (-11,83%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.353,80
    -210,03 (-13,43%)
     
  • Oro

    1.816,20
    -6,60 (-0,36%)
     
  • EUR/USD

    1,2088
    +0,0012 (+0,10%)
     
  • S&P 500

    4.063,04
    -89,06 (-2,14%)
     
  • HANG SENG

    27.718,67
    -512,37 (-1,81%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.947,43
    +1,37 (+0,03%)
     
  • EUR/GBP

    0,8607
    +0,0021 (+0,24%)
     
  • EUR/CHF

    1,0960
    -0,0008 (-0,07%)
     
  • EUR/CAD

    1,4664
    +0,0022 (+0,15%)
     

Ecco come capitalizzare la natura globale di molte aziende europee

Leo Campagna
·3 minuto per la lettura
Ecco come capitalizzare la natura globale di molte aziende europee
Ecco come capitalizzare la natura globale di molte aziende europee

Sebbene adottino un approccio bottom-up, gli esperti di Aberdeen Standard Investments hanno delineato tre temi d’investimento, trasversali alle small, mid e large cap, che traineranno i mercati europei

Molti investitori hanno mantenuto un sottopeso sulle azioni europee a causa di una crescita economica deludente e dei diffusi disordini politici. Tuttavia, fanno notare Ben Ritchie, Head of European Equities, e Andrew Paisley, Head of Smaller Companies di Aberdeen Standard Investments, vale la pena considerare la natura globale di molte aziende europee.

L’EUROPA VANTA MOLTI LEADER GLOBALI

“L’Europa vanta molti leader globali nei settori sanità, tecnologia e beni di consumo, poco dipendenti dalla domanda interna. Al contrario, tali settori beneficiano di trend strutturali transnazionali e di ampia portata quali l’invecchiamento della popolazione, la digitalizzazione e l’aumento della classe media nei mercati emergenti”, spiegano i due manager. A questo proposito, è interessante la stima di Factset, secondo la quale oltre il 54% dei ricavi aggregati delle grandi società europee quotate proviene da Stati Uniti e Asia: si tratta pertanto di compagnie potenzialmente in grado di generare rendimenti positivi a prescindere dalle condizioni e dal trend nazionale.

OPPORTUNITÀ DI ELEVATA QUALITÀ

Altrettanto interessante, dal punto di vista degli investitori, è la varietà di opportunità di elevata qualità a tutti i livelli di capitalizzazione del mercato. “In questo momento, le piccole imprese si collocano all’avanguardia in tutti i settori di mercato, dall’automazione industriale al food delivery”, riferiscono Ritchie e Paisley. Le small cap, secondo i due esperti, vengono scambiate a valutazioni sacrificate rispetto alle large cap. Senza trascurare il fatto che si tratta di un segmento di mercato poco esaminato dagli analisti: un contesto che crea notevoli opportunità per gli investitori attivi e dotati di risorse di analisi interna.

TRE TEMI D'INVESTIMENTO TRASVERSALI A SMALL, MID E LARGE CAP

“Siamo investitori bottom-up, ovvero selezioniamo in modo rigoroso le singole aziende, tuttavia vediamo tre temi d’investimento, trasversali a small, mid e large cap, che traineranno i mercati europei”, puntualizzano i due manager di Aberdeen Standard Investments. “In primo luogo l’Europa è all’avanguardia in termini di capitalismo responsabile, con molte compagnie leader globali nelle tematiche ESG (ambientali, sociali e di governance)”, tengono a precisare gli esperti di ASI . Grazie anche agli alti punteggi ESG che MSCI assegna loro, più elevati rispetto alle controparti internazionali, le aziende europee si collocano in ottima posizione per beneficiare della transizione verso un mondo più sostenibile.

GIGANTI IN NICCHIE DI MERCATO ALTAMENTE REMUNERATIVE

Nell’ambito della proprietà intellettuale, e siamo al secondo tema d’investimento, le aziende europee vantano evidenti punti di forza. “Il consolidamento nel settore industriale ha creato giganti in nicchie altamente remunerative, in rapida espansione e difendibili. Sempre in Europa operano alcuni dei brand nel settore dei consumi più riconoscibili, consolidati e ricercati al mondo con, in molti casi, un’ampia esposizione ai consumatori dei mercati emergenti”, sottolineano i due professionisti, che poi segnalano anche le vaste competenze sviluppate nel settore sanitario dove sono attive aziende europee leader in aree quali la tecnologia medica, i test diagnostici e lo sviluppo di farmaci.

IL MANIFATTURIERO PUÒ SFRUTTARE LA DIGITALIZZAZIONE

In terzo luogo, la storica competenza europea nel settore manifatturiero conferisce alla regione un potenziale per sfruttare la rapida digitalizzazione del settore. “Un processo che dovrebbe portare l’Europa a ridurre il divario di prestazioni tecnologiche con gli Stati Uniti”, concludono i due manager di Aberdeen Standard Investments.